Il disco di Pacifico

24/05/2001

All’anagrafe è Gino De Crescenzo ma il suo nome d’arte è Pacifico, e Pacifico è anche il titolo dell’album, con cui fa il suo esordio da solista, pubblicato dalla Edel nei giorni scorsi.

Con il brano Le mie parole Pacifico è tra i sedici finalisti del Premio Recanati 2001, ma tutte le canzoni del disco omonimo cominciano ad attirare l’attenzione della critica e degli addetti ai lavori ma anche del pubblico.

Nato a Milano il 5 marzo 1964, Gino De Crescenzo ha legato per dieci anni il suo nome a quello dei Rossomaltese, gruppo di cui è stato membro fondatore, autore delle musiche e chitarrista. Tra il 1993 e il 1998 la band ha saputo crearsi un ampio seguito di pubblico, affermandosi come una delle principali realtà live del circuito ‘alternativo’ e pubblicando due album (“Santantonio” e “Mosche libere”). Parallelamente Gino De Crescenzo lavora come autore e chitarrista per Fiorella Mannoia, P.F.M., Teresa De Sio.

Dopo lo scioglimento dei Rossomaltese, Gino De Crescenzo inizia a scrivere e registrare materiale in proprio, arrivando a lavorare per il cinema, e più precisamente alla colonna sonora del film di Roberta Torre “Sud Side Stori”. Per Roberta Torre firma anche le musiche dello spettacolo teatrale “Invece che all’una alle due”, presentato nel 1999 al Teatro Stabile di Catania.

Il progetto PACIFICO prende corpo a partire dal 1999, con l’inizio della collaborazione tra Gino De Crescenzo e il produttore artistico Paolo Iafelice. Insieme, i due lavorano alle canzoni che faranno parte dell’album Pacifico.

Gino De Crescenzo è attualmente al lavoro sulle musiche del nuovo film di Roberta Torre, “Angelò”, in corso di realizzazione a Palermo, ed ha da poco prodotto il disco del chitarrista serbo Aco Bocina (una produzione internazionale per la quale ha arrangiato e diretto la prestigiosa fanfara rumena Ciocarlia).

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati