Dopo l'omicidio dei buttafuori chiude il Nautilus

15/12/2000

I titolari del Nautilus, la discoteca di Cardano al Campo (Varese) dove, nella notte tra il 7 e l'8 dicembre, sono stati uccisi due buttafuori e un terzo ferito, hanno deciso di lasciare l'attività e di chiudere per sempre il locale.

L'annuncio lo ha dato Gemma Vedovato, presidente della società che gestisce la discoteca, in una lettera inviata a Giancarlo Barisio, presidente del sindacato dei gestori dei locali da ballo. "Io - ha scritto Gemma Vedovato - non voglio più essere ostaggio di
giovani ingovernabili, di genitori irresponsabili, di istituzioni cieche e demagogiche in un contesto normativo inadeguato".

Secondo Gemma Vedovato: "Ancora una volta le istituzioni non vogliono aprire gli occhi e preferiscono la demagogia, le chiacchiere, la noncuranza".

Vedovato, nella lettera, ha spiegato che il 90 per cento dei giovani che frequentano le discoteche sono tutti bravi ragazzi e che solo il 10 per cento passa da una "rassicurante tranquillità al massimo della violenza". "Ma soprattutto - ha aggiunto - questi giovani non sono certo peggiori dei loro padri, e l'episodio capitato nella mia discoteca lo dimostra".

Vi raccomandiamo:

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Addio a King Kong, il programma di Radio1 dedicato alla musica