La storia di Drum Doctor, il mago delle batterie

The Drum DoctorThe Drum Doctor
31/03/2016 11:53 di

A primo impatto probabilmente il suo nome vi dirà poco o nulla, ma state sicuri che Ross Garfield aka The Drum Doctor ha messo le mani su più di qualche disco della vostra collezione. Che sia rock, metal, pop o black music poco importa, dal 1981 Garfield lavora per far suonare al meglio qualsiasi kit di batteria che entra nel suo rifugio, una warehouse piena di fusti, casse, piatti e pedali nel centro di Los Angeles.

Garfield suona la batteria sin dall'età di 8 anni: nel 1980 si trasferisce a Los Angeles, lavora in un negozio di musica e contemporaneamente inizia a suonare come session man in diverse band. Quando capisce che ci sono diversi batteristi tecnicamente più bravi di lui, e destinati a scavalcarlo, sceglie di cambiare prospettiva sedendosi dall'altro lato e iniziando a lavorare sull'ottimizzazione della resa sonora dello strumento. Apre la sua attività e da allora è per tutti The Drum Doctor.

In breve tempo diventa uno dei professionisti più ricercati in tutti gli Stati Uniti, e mette la firma, tra i tanti, sulle batterie di "Nevermind" dei Nirvana, "Blood Sugar Sex Magik" dei Red Hot Chili Peppers e il "Black Album" dei Metallica. Lavora con Michael Jackson, Cypress Hill, Dr. Dre e attualmente con Coldplay e Adele.

Quello che ha imparato Garfield in tanti anni di attività è che ogni batterista ha bisogno di avere un proprio suono distintivo. Solitamente con tre o quattro anni di lavoro insieme si finisce per creare un legame che aiuta anche Garfield a direzionare al meglio i batteristi nel loro percorso, riuscendo a interpretare i loro bisogni prima di ogni reale necessità.

Media Bird ha realizzato un mini-documentario molto bello in cui Garfield racconta la storia, i segreti e il fascino del suo lavoro: buona visione.

Tag: batterista

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    La fiction RAI sulla vita di De Andrè è stata vista da oltre 6 milioni di spettatori