Enrico Gabrielli: Gheddafi pazzo genocida

22/02/2011

Gabrielli dice la sua sull'amicizia tra Berlusconi e Gheddafi.

Enrico Gabrielli (Mariposa, Calibro 35 e moltissimi altri progetti) ha rilasciato una dichiarazione, una riflessione personale, sullo stato in cui versa ultimamente la politica italiana e sul ruolo degli artisti nei confronti della politica, con un invito ai musicisti a farsi avanti personalmente nell'esprimere la propria opinione. Queste le sue parole:

Siamo stati assuefatti al rischio di risultare demagogici se si parla di politica direttamente.

Questo “luogo nazionale” è gestito (non governato) da una struttura il cui capo è fraterno amico di un pazzo genocida.

Mi faccio schifo come italiano e come figlio di una generazione sbiadita. 
La chiamerei generazione “tanto è uguale”. 
Ma dare nomi è comunque fin troppo dignitoso. 

Da ora in poi parlerò di impegno, di partecipazione e di rivolta senza nessuna remora.

E invito a farlo in quanti più possibile. 
E.G.

Per info su Enrico Gabrielli:
www.enricogabrielli.com/

Pagine: Mariposa Calibro 35

Commenti (10)

Carica commenti più vecchi
  • Nicola Serafini 23/02/2011 ore 09:55 @worlich

    Error establishing a database connection

  • Faustiko Murizzi 23/02/2011 ore 12:07 @faustiko

    Vedi cosa succede a parlar male del nano? Ti fan saltare il sito! :[

  • Mordana Lab 23/02/2011 ore 12:36 @mordana

    Ci fa così incazzare il "tanto è uguale" che alimenta il modello di stagnazione sociale propinato con tutti i mezzi dal sultano (soprattutto con questa legge elettorale autoreferenziale) a protezione dei pochi appartenenti a questa classe dirigente politica ed economica incapace ed ignorante. Dobbiamo resistere e mantenere alto il livello di comprensione di quello che ci circonda!!

  • Alessandro Cecchini 23/02/2011 ore 12:47 @38027#snippy

    Il problema e' che il Belpaese non conta un cazzo.Non ha petrolio,materie prime.Ha perso la seconda guerra mondiale.Game over.

    Fino a che c'era la guerra fredda Usa-Urss ci davano fondi perche' facevamo comodo strategicamente.Caduto il muro.Finito tutto.Italia Kaputt!! per parafrasare Sven Hassel.Paese finito,culturalmente,economicamente.E con una politica che mente di per se'.Che ti fa credere che "..noi qua,noi la'.."
    .Game over.
    Sempre se ci hanno mai permesso realmente di giocare.

    Tutta quella gente che ha creduto nell'impresa,nell'imprenditoria..solo oggi si rende conto che il coltello dalla parte del manico ce l'avevano all'estero??
    Le cose vanno male perche' non contiamo nulla.

    Berlusconi a parte.Tutti questi gossip su di lui mascherano il fatto evidente che non si e' fatto nulla per questo Paese.E niente faranno gli altri.Berlusconi ha cercato con l'arruffianamento di procacciarsi l'amicizia di queste nazioni ricche di petrolio.Era la sola cosa che potesse fare.Attivita' che era gia' cominciata con Prodi.

    Strisciare come vermi sul palcoscenico mondiale.
    Questo e' cio' che rimane ai perdenti.

    Giusto cielo!! E'come nel film "Il Federale",quando Tognazzi,il federale appunto,arriva a Roma con il prigioniero politico.
    Roma e' gia' stata presa dagli americani.E questi dall'alto dei loro carri armati lo prendono in giro,lo sbeffeggiano,scattano fotografie..ridono:"Ahahaha,italiano fascista...ahaha..".Ridono.
    Come con Berlusconi.Ci fossero Prodi,D'Alema,chi-volete-voi-:non cambierebbe nulla.

    Italia Game over.

  • bigs 23/02/2011 ore 17:25 @bigs

    ....senza nessuna remora.

    Bene Enrico!!!

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

“Fabrizio De André. Principe libero”, il film con Luca Marinelli arriva al cinema come evento speciale