Fabio Cinti, in arrivo un adattamento per archi e pianoforte di “La voce del padrone” di Franco Battiato

12/01/2018 11:28 di

Fabio Cinti è da sempre molto vicino a Franco Battiato, che per lui ha scritto il brano “Devo” contenuto nell’album “Madame Ugo” del 2013. Ora il cantautore ha deciso di omaggiare il Maestro con un adattamento per archi e pianoforte di “La voce del padrone”, capolavoro del 1981 e primo album che è riuscito a superare un milione di copie vendute in Italia.



Come scrive Cinti su Facebook, “Nei mesi scorsi ho lavorato con profonda dedizione e divertimento, e con l'aiuto di Matteo Panetta, a un progetto che ho in mente da molto tempo e che mi sta molto a cuore: un adattamento per archi e pianoforte de "La Voce del Padrone". Nonostante la mia storia di cantautore sia legata per i motivi che conoscete alla figura e al mondo di Franco Battiato, non ho mai pubblicato nessuna versione o cover dei suoi brani (fatto salvo “Devo”, che però è un suo inedito, regalato a “Madame Ugo”). Così ho pensato che finalmente, avendo raggiunto la maturità per farlo, mi sembrava questo il momento giusto, e ho trovato che quell'album, che mi accompagna da quando avevo quattro anni, potesse essere osservato da un'inedita angolazione, vicina comunque al mondo del suo autore, un punto di vista da cui fare nuove scoperte. Il cantautore racconta dunque che “Con l'enorme vicinanza affettiva di Cristopher Bacco Krisba, Francesco Cecco Bruni e tutto lo Studio 2 - Recording Studio, con l'entusiasmo e la disponibilità di Giovanna Famulari, Vanessa Cremaschi, Elena Cirillo e Andrea Vizzini, con la complicità di Lorenzo Palmeri e di Nora Bentivoglio, eccoci, in questi giorni, a registrare questo “Adattamento gentile de La Voce del Padrone”". Non resta dunque che aspettare per ascoltare questo omaggio a Battiato.

Tag: cover nuovo album

Pagine: Franco Battiato Fabio Cinti

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Perché King Kong è stato cancellato? Ce lo spiega Silvia Boschero