Un italiano candidato ai Grammy fianco a fianco coi Rolling Stones

19/12/2017 10:53 di

Fabrizio Poggi è un armonicista italiano che lo scorso 24 marzo ha pubblicato l’album “Sonny & Brownie’s Last Train”, registrato presso gli Orlando Music Studios di Milano per M.C. Records con la leggenda americana del blues Guy Davis. Pochi giorni fa, a seguito dell’annuncio dei candidati ai Grammy Awards 2018, Fabrizio ha scoperto che il suo disco correrà per ottenere il prestigioso riconoscimento nella categoria “Best Traditional Blues Album”, fianco a fianco con “Blue & Lonesome” dei Rolling Stones. “Essere nominato ai Grammy Awards è un altro immenso sogno diventato realtà”, commenta Fabrizio Poggi, “Questo importante riconoscimento mi ha lasciato senza parole ma lo dedico a tutti i musicisti italiani che da sempre suonano l’altra musica con onestà, passione e sincerità. Il segreto per arrivare ai Grammy è di rimanere se stessi, di essere in qualche modo “unici” specialmente quando si cerca di arrivare al cuore delle persone”.



Fabrizio Poggi ha inciso ben 22 album, suonato con grandi artisti sia italiani che stranieri (tra gli altri Blind Boys of Alabama, Charlie Musselwhite, Eugenio Finardi ed Enrico Ruggeri), e ha girato in tour tutta l’Europa e gli Stati Uniti, dove si è esibito alla celebre Carnegie Hall di New York e sulla Legendary Blues Cruise. Col nuovo disco “Sonny & Brownie’s Last Train”, tributo alle leggende del blues Sonny Terry e Brownie McGhee, Fabrizio correrà dunque per il Grammy giocandosela, oltre che con i Rolling Stones, anche con “Migration Blues” di Eric Bibb, “Elvin Bishop's Big Fun Trio” degli Elvin Bishop's Big Fun Trio e “Roll And Tumble” di R.L. Boyce. Non possiamo fare altro che incrociare le dita per Fabrizio e aspettare il prossimo 28 gennaio, quando al Madison Square Garden di New York si scopriranno i vincitori dei Grammy 2018.

Tag: grammy

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Abbiamo visto in anteprima "Fabrizio De Andrè - Principe Libero"