La Festa della Musica a BO il 21/06

03/06/2001

Giovedì 21 giugno è la giornata nazionale dedicata alla musica; in Italia è dal ’97 che, dietro proposta di Walter Veltroni, è stata istituita una festa diretta ai giovani artisti e alla loro creatività sulla scia di una simile iniziativa da parte di altri paesi come Francia e Inghilterra.

Per una volta all’anno i giovani si riappropriano di alcuni spazi cittadini (troppo spesso abbandonati a loro stessi) e si festeggia la musica con la musica. In centinaia di piccoli centri e nelle grandi città vengono allestiti palchi e stand e si danza e si canta tutto il giorno: un risveglio culturale che abbraccia tutta la penisola. Gli spazi dedicati all’espressione artistica giovanile sono pochi, eppure negli ultimi anni la scena musicale in Italia è cresciuta molto, gli artisti sono grintosi e hanno voglia di sperimentare e rischiare, e il pubblico è pronto. Allora il 21 giugno diventa un evento dove le band emergenti e non possono esibirsi davanti a centinaia di persone, dove si ha la possibilità di esprimere il proprio talento creando un momento di aggregazione e divertimento per il pubblico.

A Bologna l’edizione 2001 della festa della musica , promossa dall’Arci, si svolgerà nel Parco dei Giardini di via Corticella, in questa cornice naturale dalle 16 inizieranno le esibizioni dei gruppi emergenti e il finale sarà de Il Parto delle Nuvole Pesanti, band di rilievo nazionale. Intorno al palco verranno allestiti stand di associazioni e di privati che hanno aderito all’iniziativa, mostre fotografiche e artistiche, insomma protagonista non solo la musica ma anche il genio creativo giovanile; saranno infatti presenti anche giocolieri, mangiafuoco e percussionisti a creare un’atmosfera suggestiva e festaiola.

I gruppi emergenti che si esibiranno sono i Negramaro, i Giardino di Pietra, i Retcu, gli Ergo Sum, i Tsunami e Stikkerabballa.

Questi ultimi sono salentini e suonano musica popolare.

I leccesi Negramaro propongono una musica eclettica e camaleontica influenzata dal punk, dal dark ma anche dal blues.

I Giardino di pietra sono quattro studenti bolognesi che suonano hard rock e sono molto influenzati dai Black Sabbath e da tutto l’Hard rock anni Settanta.

I Retcu sono cinque ragazzi sui vent’anni .Propongono suoni che viaggiano tra il pop e il grunge interpretati da due voci: una voce maschile e una femminile.

Gli Ergo Sum sono giovani e cattivi, diverse le influenze musicali che convergono nella loro musica, infatti tra i loro preferiti ci sono i Rage Against The Machine, i Quintorigo, i Modena City Ramblers.

I Tsunami è un gruppo tutto al femminile, sono ragazze sui vent’anni che hanno iniziato a suonare con il nome di Skummer. Suonano rock e le loro preferenze musicali variano dagli storici Timoria e Carmen Consoli, a musica più aggressiva come quella delle Hole e delle L7.

La manifestazione si concluderà con l’esibizione de Il Parto delle Nuvole Pesanti, band calabrese da anni trapiantata a Bologna. Il gruppo è sulle scene da una decina d’anni, ha alle spalle quattro album e centinaia esibizioni live. Il loro primo album Alisifare risale al ’95, seguito poi da Pristafora ( Helter Skelter) e Quattro battute di povertà edito dalla Lilium; l’ultimo album (sempre Lilium) è Sulle ali della Mosca , un disco pieno di energia che vede la collaborazione di artisti come Roy Paci, trombettista dei Mau Mau, Teresa de Sio, MUCE (G.Bregovic/E.Kusturica).

Le sonorità del Parto sono una miscellanea di folk, rock, ritmi caldi del sud e suoni punk che si coniugano perfettamente alle sperimentazioni linguistiche; la loro musica è immediata e nelle performance dal vivo crea un forte contatto con il pubblico che dondola e si agita e canta.

Tag: festival

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Il nuovo singolo dei Måneskin è l'ultimo dei loro problemi