Festival Jazz in Bocconi (Milano)

22/01/2001

Festival Internazionale
JAZZ IN BOCCONI
Aula Magna dell'Università Bocconi - Milano
in collaborazione con
"Gruppo Mazars Italia"

INGRESSO LIBERO A TUTTI I CONCERTI

3° edizione
19 e 20 Marzo 2001

PRIMA SERATA

ore 20:45
Consegna del premio "TARGA MAZARS" sul tema "La Vocalità nel Jazz fra melodia e ricerca timbrica" ed esibizione del gruppo vincitore.

ore 21:15
RITA MARCOTULLI QUARTET (Rita Marcotulli - pianoforte; Javier Edgardo Girotto - saxes, flauti; Pietro Ciancaglini - contrabbasso; Roberto Gatto - batteria)

Una delle pianiste italiane più richieste a livello internazionale, Rita Marcotulli ha collaborato con molti fra i più importanti jazzisti europei e americani, fra cui Chet Baker, Jon Christensen, Palle Danielsson, Pino Daniele, Peter Erskine, Steve Grossman, Joe Henderson, Helène La Barrière, Joe Lovano, Charlie Mariano, Marilyn Mazur, Pat Metheny, Sal Nistico, Michel Portal, Enrico Rava, Dewey Redman, Aldo Romano, Kenny Wheeler, Norma Winstone.

Compone musica per la danza e il cinema, e collabora frequentemente con le coreografe Roberta Garrison, Maia Claire Garrison e Teri J. Weikel.

Attualmente è attiva in varie formazioni di rilievo internazionale con cui ha effettuato tournée in Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Olanda, Polonia, Slovenia, Svezia e Svizzera, registrando anche diversi programmi radiofonici e televisivi.

Al festival JAZZ IN BOCCONI Rita Marcotulli presenta un repertorio di brani originali, alcuni dei quali fanno parte del progetto “La Femme D’á Coté”, dedicato a Francois Truffaut. Rita Marcotulli Quartet è un gruppo stabile che vede la partecipazione di musicisti che vantano
una lunga esperienza in ambito concertistico e discografico.

ore 22:15
GERI ALLEN TRIO (Geri Allen - pianoforte; Billy Johnson - contrabbasso; Marc Johnson - batteria)

Pianista di altissimo livello, Geri Allen è comparsa alla ribalta internazionale grazie alla collaborazione con due fra i più importanti musicisti della scena mondiale: Charlie Haden e Paul Motian. Dal 1982, anno in cui si è trasferita a New York, collabora con questi grandi musicisti e con molti fra i più importanti esponenti della scena jazzistica internazionale, dando vita al movimento M-Base, soprattutto con con Steve Coleman e Greg Osby, con cui ha avuto una intensa collaborazione sia concertistica, sia discografica. Le sue più importanti influenze sono Monk, Ornette Coleman e per alcuni
aspetti anche pianisti come Elmo Hope e Herbie Nichols. Nel 1987 si è unita alla Liberation Music Orchestra di Charlie Haden. Con Haden e Motian è
nato un magnifico trio, che ha prodotto testimonianze di grande rilievo come un “Live at the Village Vanguard”, “Etudes”, “Segments” e “The year of the Dragon”. Anche sul piano compositivo ha dimostrato un grande talento producendo opere con formazioni più estese, come “Marcons” e “The Nurturer”, entrambi per la Blue Note, nei quali collabora Kenny Garret e Marcus Belgrave. Attualmente è leader del Geri Allen Trio con Billy Johnson al contrabbasso e Marc Johnson alla batteria.

SECONDA SERATA

ore 21:15
RAMBERTO CIAMMARUGHI TRIO (Ramberto Ciammarughi - pianoforte; Fabio Zeppetella - chitarra; Umberto Fiorentino - chitarra)

Pianista e compositore di Assisi, Ramberto Ciammarughi vanta collaborazioni con importanti artisti stranieri: Steve Grossman, John Clark, Dee Dee Bridgewater, Vinnie Colaiuta, Jimmie Owens, con attività concertistica in Giappone, Germania, Svizzera, Cecoslovacchia, Singapore, Lussemburgo. Compositore e arrangiatore di colonne sonore per spettacoli teatrali e installazioni d’arte, Ciammarughi è considerato una delle voci più interessanti del nuovo pianismo made in Italy. Fabio Zeppetella vanta collaborazioni con Lee Konitz, Steve Grossman, Enrico Rava, Jimmy Owens, Kenny Wheeler, John Clarke, Sal Nistico, Ernst Reijseger, Hein Van de Geyn, Aldo Romano oltre alla “Tankio band”, il gruppo “Area 2”, i “Noisemakers” di Roberto Gatto. Svolge attività didattica presso l’ Università della Musica di Roma e presso la “Nuova scuola dell’espressione”. Umberto Fiorentino è presente dai primi anni ’80 sulla scena musicale sia in veste di leader che in quella di collaboratore dei più prestigiosi gruppi e solisti italiani. Ha svolto attività concertistica che lo ha portato a suonare in importanti manifestazioni musicali in Italia e all’estero. Ha partecipato, in qualità di ospite, a diverse trasmissioni radiofoniche e televisive RAI. Svolge attività didattica ormai ventennale, tenendo seminari in quasi ogni regione italiana.

Insegna stabilmente all’Università della Musica.

ore 22:15
YOSVANY TERRY QUARTET (Yosvany Terry Cabrera - sassofoni, chekerè; Luis Perdomo - pianoforte; Yunior Terry Cabrera - contrabbasso; Dafnis Prieto - batteria)

Questo gruppo rappresenta la punta più avanzata dell’ultima generazione di giovani musicisti cubani che hanno saputo fondere il jazz con i tradizionali ritmi caraibici. Il leader della formazione, Yosvany Terry (25 anni), ha tenuto numerosi workshop in Oakland e insegnato alla Stanford University ed è considerato una vera e propria avanguardia del jazz afro-cubano. E’ considerato un innovatore come compositore ed arrangiatore che come esecutore. Tra gli altri, ha suonato con Silvio Rodriguez (group Diakara), ha registrato con Roy Hargrove (nel 1977 vinse un Grammy per il miglior disco di Jazz Latino), Chuco Valdez, Jane Bunnet, ha suonato e lavorato con Steve Coleman e John Santos. Ha diretto la Youth Jazz orchestra della National School of the Arts al Festival Jazz dell’Havana ed ha vinto un importante premio come miglior sassofono “cubano”. Dafnis
Prieto Rodriguez è un giovane percussionista dotato di grande talento e gode già di una notevole fama: ha girato più volte l’Europa suonando con molti gruppi jazz. Luis Perdomo è un pianista virtuoso e di grande energia, che condivide con il gruppo la maestria ed un grande affiatamento. Il gruppo suona a Milano per la prima volta.

INGRESSO LIBERO A TUTTI I CONCERTI

_________________________________________
Direzione e coordinamento tecnico a cura di
AJP EVENTS
www.ajp.it
mailto:ajp@ajp.it /> tel: 035.32.14.31

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Arriva a Bologna il biglietto sospeso per chi non può permettersi un concerto