Ghemon saluta tutti e si ritira dal mondo hip-hop

GhemonGhemon
22/11/2011
«Il punto è uno solo, chiaro e pulito: "440/Scritto Nelle Stelle" è l'ultimo disco di Ghemon». Con queste parole, Ghemon ha deciso di dire basta alla musica hip-hop. La definisce una scelta meditata lungo tre anni, combattuta e pesante da prendere come tutte le decisioni definitive. Il motivo? Il personaggio Ghemon si stava mangiando l'uomo Gianluca, che ha deciso di dire basta. Alla base, però, c'è qualcosa di più profondo: «Mi guardo attorno e vedo e sento così tanta ostinata ostentata perfezione, che mi pare finzione. Non mi appartiene. non Vi appartiene. Non credete alle bugie. Mi guardo attorno alle serate e mi sento solo, fuori contesto e molte volte annoiato alla morte. In realtà lo ero anche prima, ma credevo che col tempo mi sarei accomodato e fatto accettare. Non è successo. La mia onestà è difficile da reggere. Se mi chiedi come sto, io te lo dico veramente. Se mi chiedi quanti dischi ho venduto, io te lo dico sul serio. Se hai 50mila fan ma hai beat che sembrano la mazurka, io, come direbbe il buon Trix "ti butto giù"» E ancora: «In questo lavoro ha detto e raccontato tutte le cose che voleva dire. Tutte le storie giungono a una fine, e anche questa lo fa, con buona pace di chi mi ha sempre criticato e anche di chi mi ha voluto bene. Ghemon lascia una montagna di musica, e quella non gliela può togliere nessuno. Io, come persona e come individuo ho sofferto questa scelta per tre anni, reprimendola, allontanandola, odiandomi a volte. Adesso sono davvero sereno nei confronti di questa decisione». Ghemon dice che non potrà smettere di scrivere e di cantare, ma la sua avventura artistica, così come l'abbiamo conosciuta finora, termina qui.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati