Guadagnare dalla pirateria? Si può fare

18/04/2011

Se non puoi sconfiggerla, sfruttala.

Potrebbe essere questa la nuova strategia dell’industria discografica nei confronti della pirateria.

Dal momento che ormai è scontato che non ci siano possibilità di sconfiggerla, riuscire a ricavare dei soldi sarebbe l’unico modo per trovare un compromesso.

Missione impossibile? Forse no.

Una speranza per i discografici arriva da 7 Sky Media, un’azienda danese che avrebbe trovato il modo di capitalizzare anche dai download illeciti.

Il metodo prevede di inserire nei software di riproduzione musicale un plug-in in grado di riconoscere ogni brano che viene suonato. Senza badare alla sua provenienza, più o meno legale, a ogni play verrebbe aperta una finestra pubblicitaria sullo schermo di chi sta ascoltando il pezzo. Il ricavato dalla vendita di quegli spazi pubblicitari andrebbe ovviamente ai detentori dei diritti d’autore, che sarebbero così ricompensati per il proprio lavoro.

Secondo i creatori, Bo Schønemann e René Nygaard, sarebbe il perfetto punto d’incontro tra case discografiche e utenti. I due sembrano ottimisti sulla buona riuscita dell’operazione, resta solo da valutare una variabile: la disponibilità degli ascoltatori a installare sul proprio computer qualcosa che tenga traccia di tutto ciò che fanno.

Una variabile non da poco.

Tag: pirateria download

Commenti (1)

  • Giulio Pons 18/04/2011 ore 17:24 @pons

    e che ti mostra della pubblicità.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

“Fabrizio De André. Principe libero”, il film con Luca Marinelli arriva al cinema come evento speciale