SIAE, ecco chi guadagna di più con i diritti d'autore

Ecco quanto guadagnano i più ricchi con la SIAEEcco quanto guadagnano i più ricchi con la SIAE
22/02/2013 11:17 di

Si sta parlando molto di SIAE e di guadagni dal diritto d'autore, in questo periodo. Il motivo è l'imminente elezione del Consiglio di Sorveglianza e l'approvazione del nuovo statuto, che assegna un maggiore numero di voti in assemblea a chi raccoglie più soldi con il diritto d'autore. In pratica: comandano i più ricchi. Da questo punto di vista, diventa interessante capire chi sono i più facoltosi e quindi i più potenti all'interno della SIAE. Quindi chi guadagna di più con i diritti d'autore SIAE?

A rispondere è un articolo del Corriere del 22 febbraio a firma Massimo Sideri. Nel pezzo, il Corriere mette in fila tutti gli autori che guadagnano più soldi dai dividendi della SIAE. Nonostante la musica porti gran parte degli introiti dei diritti d'autore (circa 480 milioni di euro all'anno sui 600 milioni complessivi raccolti da SIAE), non è un musicista in testa alla classifica, ma un autore televisivo.

Si tratta di Michele Guardì, autore e regista di programmi come Uno Mattina e per anni il comitato de I fatti vostri, che ogni dodici mesi porta a casa due milioni di euro di diritti d'autore. Condannati alla rivalità perenne anche nei conti correnti, Ligabue e Vasco Rossi si piazzano a ridosso di Guardì con un milione e 600mila euro a testa. Sopra il milione di euro anche Zucchero, mentre intorno ai sei zeri si attesta Ennio Morricone. La pattuglia di chi supera il mezzo milione è decisamente nutrita: Pino Donaggio (800mila), Lorenzo Jovanotti (750mila), Biagio Antonacci (700mila), Claudio Baglioni, Francesco De Gregori, Gianna Nannini ed Eros Ramazzotti (500mila).

Come sottolinea a più riprese Massimo Sideri nell'articolo sull'edizione cartacea del Corriere, si tratta di incassi legati ai soli diritti d'autore, cui vanno aggiunti gli introiti legati a vendite di dischi, biglietti di concerti e merchandising di vario tipo.

Questi gli incassi dei diritti d'autore, questi, quindi, gli equilibri della SIAE del futuro prossimo. Un futuro prossimo in cui Michele Guardì peserà tantissimo. Lui e il superpremio.

Tag: siae

Commenti (3)

Carica commenti più vecchi
  • Anto 22/02/2013 ore 12:23 @tnello

    La siae come tutti le cose italiane è organizzata e avvantaggia chi la gestisce e i poteri che la influenzano....vomitevole direi. La finalità di promuovere la musica non è nemmeno nel suo dna...tremendo!

  • Anna Granito 10/08/2014 ore 20:17 @Gaservizi

    Salve,ma un autore di testi esordiente come e cosa guadagna su un testo?Grazie

  • Von Marx 5 mesi fa @metallissimo

    Commento vuoto, consideralo un mi piace!

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

Top It 2017: i 20 dischi dell'anno secondo Rockit