"Il pesce ha parlato", Marco Parente a Firenze

11/12/2002

Si chiude la stagione 2002 di Tradizione In Movimento del Musicus Concentus con l’atteso concerto di Marco Parente che presenterà, in anteprima, una realizzazione originale, pensata per la Sala Vanni di Piazza del Carmine.

Con il titolo di "Il pesce ha parlato" Marco Parente proporrà un capitolo a contatto con una delle anime della sua musica, quella più vicina alla ricerca sonora ed ai nuovi modi dell’elettronica, che si rintraccia nei brani dell’ultimo cd, pubblicato di recente per l’etichetta Mescal, "Trasparente". Il concerto sarà caratterizzato da una particolare diffusione sonora in esafonia, con la voce di Marco Parente al centro della scena ed una cornice animata da suoni acustici ed elettronici.

"Il pesce ha parlato" sottolinea l’originalità della proposta di Marco Parente, un fuoriclasse della canzone d’autore, attento a definire brani dalla forma aperta per catturare stimoli ed ispirazioni differenti.

Nel suo concerto fiorentino Marco Parente sarà in compagnia di musicisti con cui collabora da tempo, il compositore Lorenzo Brusci, che ha curato il lato elettronico del cd "Trasparente", Marco Tagliola, responsabile anche dei suoni del precedente spettacolo di Marco Parente, "Paradiso, Inferno, Piano Terra", Mirko Guerrini, noto per le sua attività jazz e che ha curato alcuni arrangiamenti di "Trasparente", il trombettista Mirio Cosottini (che lavora anche in duo con Guerrini), Stefano Roslmair direttore della spazializzazione sonora.

Il nuovo spettacolo "Il Pesce ha parlato" è un percorso emotivo dove la parola non sempre è sufficiente: "il pesce ha parlato, ha detto che non ci sono abbastanza parole per dire tutto ciò che sente, allora tacque per sempre e acque per sempre".

Posto unico numerato euro 12,00 - Prevendite circuito regionale Box Office

per informazioni:
tel. 055 287347
www.musicusconcentus.com
www.marcoparente.cjb.net

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Top It 2017: i 20 dischi dell'anno secondo Rockit