La K-Factor si presenta con "4-tones"

03/09/2002

I fortunati che hanno avuto fra le mani il n. 16 della fanza hanno avuto modo di trovarvi accluso un CD gratuito.

Si tratta della prima produzione dell'etichetta K-Factor, che si presenta con un progetto "trasversale".

K-FACTOR, infatti, non vuole essere l’ennesima label indipendente, ma costituire la sonda nel profondo sotterraneo (in realtà sottocutaneo), per osservare il futuro senza il vincolo oggettivo di disperdere grida contro la corrente, ma di assecondare, piuttosto, il bisogno di godersi a pieni polmoni la passione per la musica di qualità a trecentosessantagradi.

Per evitare l’autolesionismo e l’immobilismo del mercato italiano, condizionato da un’enorme offerta di musica contro una ben più misera domanda, K-FACTOR utilizza nuove strategie e canali di comunicazione alternativi alla distribuzione tout court, allo scopo creare una dimensione di fruizione che possa veramente raggiungere l’ascoltatore al di là delle barriere ideologiche o di genere musicale. Da qui la distribuzione della sua prima produzione discografica tramite i canali di Rockit.

Il progetto "4-TONES" (K-FACTOR 001) è una compilation che comprende quattro bands selezionate fra le più interessanti del panorama musicale emergente. L’eterogeneità dei suoni proposti in questo disco rivela un’urgente necessità di decodificare i modelli di riferimento per emanciparsi da un’inutile clonazione di stili e generi già ampiamente esplorati. Dal lounge ironico solare con suoni vintage dei SikitikiS (“Il modo migliore”) al claustrofobico nu-metal di Inkarakua (“31”), la ballad invernale e malinconica dei Melanie (“A volte”) e l’urgenza graffiante dei Colazione Freak (“Accelerazione”).

Il lavoro è stato realizzato fra Cagliari e Torino, con la supervisione dello staff dei Subsonica, che ha supportato emozionalmente il progetto.

Per informazioni:
www.k-factor.com

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    "Zeta reticoli" dei Meganoidi compie 15 anni e continueremo ad amarla per sempre