MantovaJazz 2000, info e programma

13/03/2000

MANTOVAJAZZ 2000

www.arci.it/mantovajazz/

mantovajazz@arci.it
/>

A MANTOVA ARRIVANO LE STAR DEL JAZZ MONDIALE

ANCHE TRE SERATE BLUES AL FESTIVAL MANTOVAJAZZ 2000 DI PRIMAVERA

John Zorn, Arto Lindsay, Marc Ribot, Lucio Dalla e Jim Hall: sono solo
alcuni dei musicisti che suoneranno al festival MantovaJazz 2000-Roberto
Chiozzini, giunto nel 2000 alla ventesima edizione. Organizzato dall'Arci
e dall'associazione "Amici del Jazz", il festival inizierà il 18 marzo con
il blues del trombettista Tom Harrel, proponendo il primo aprile una data
unica europea: il saxofonista John Zorn e i due chitarristi Lindsay e
Ribot, tre star trasversali di New York, si incontreranno per dare vita ad
un vero e proprio concerto evento. Il 9 maggio, nelle vesti di jazzista
Lucio Dalla, insieme a Hall, tornerà al suo primo amore: il clarinetto.

Torna per la ventesima edizione il MantovaJazz 2000, intitolato al
saxofonista mantovano Roberto Chiozzini, scomparso nel 1988. Il festival
di musica jazz e blues, organizzato dall'Arci provinciale di Mantova in
collaborazione con l'associazione "Amici del Jazz", proporrà sette
concerti fra marzo e maggio 2000.

_________________

CALENDARIO CONCERTI

18 marzo

Tom Harrel & Giovanni Mazzarino quartet

teatro Bibiena Mantova, ore 21.30

22 marzo

Tommy Castro Blues Band

teatro Comunale Pegognaga (Mantova), ore 21.30

1 aprile

"Special Event"

Arto Lindsay Band

Zorn/ Ribot/ Lindsay

teatro Ariston Mantova, ore 21

12 aprile

Duke Robillard Band

teatro Sociale Castiglione delle Stiviere (Mantova), ore 21.30

27 aprile

Walter Trout &The Free Radicals

Teatro Comunale Marmirolo (Mantova), ore 21.30

9 maggio

Lucio Dalla band e Jim Hall Trio

teatro Bibiena Mantova, ore 21

12 maggio

Gibellini, Tavolazzi, Beggio jazz Trio

piazza Italia Quingentole (Mantova), ore 21.30

_________________

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

Prezzi biglietti variabili da 0 - 35.000 L.

Sconti con tessera Arci

www.arci.it/mantovajazz/

mantovajazz@arci.it
/>

Arci Mantova

tel. +39 (0)376/262555-6 > fax +39 (0)376/262565

ore 10:00/12:00 - 15:00/18:00

ufficio festival Happy Trails

tel&fax +39 (0)376/222177

Prenotazioni biglietti online:

www.arci.it/mantovajazz/biglietti.html

_________________

STORIA

MantovaJazz compie 20 anni

Il festival nasce nel 1980, quando il jazz a Mantova era tenuto vivo
dall'attività di alcuni appassionati. Da allora, nelle varie edizioni,
sono passati i padri fondatori del jazz moderno (Gillespie, Gordon,
Giuffre, Baker, MJQ, Roach, Blakey), e i maestri contemporanei
(Petrucciani, Corea, Burton, Motian, Woods, Shaw, Wheeler, Redman), dando
uno spazio sempre crescente alle avanguardie di ieri e di oggi (da Shepp,
Sun Ra, Haden, Lacy, Bley, a Bern, Frisell, Douglas, Previte, Coleman,
Threadgill), senza naturalmente dimenticare i migliori musicisti italiani.

_________________

ARTISTI

Tom Harrel & Giovanni Mazzarino quartet

E' sufficiente scorrere il suo album personale per comprenderlo: non c'è
riconoscimento che non gli sia stato assegnato. Miglior trombettista, ma
anche miglior arrangiatore e compositore, miglior bandleader, autore del
miglior disco dell'anno (1998/1999), miglior musicista. Per molti è il
numero uno della tromba jazz. Per tutti è comunque la voce più intensa
delle ultime generazioni. Accompagnato dal quartetto di Giovanni
Mazzarino, al pianoforte, con Francesco Bearzatti al sassofono, Stefano
Senni al basso e Paolo Mappa alla batteria.

Tommy Castro Blues Band

Si forma artisticamente suonando in varie band della Bay Area di S.

Francisco. Nel 1991 forma la Tommy Castro Band che diventerà ben presto
molto popolare. Nel 1993 riceve il prestigioso riconoscimento come
miglior band blues della California. All'inizio del 1998 la band si
esibisce nel leggendario Fillmore di San Francisco e viene votata come
miglior band del San Francisco Blues festival. Il nuovo album di Castro
"Right as rain" evidenzia il suo stile orientato verso il rock, il blues e
il soul. Con Tommy Castro alla chitarra e voce, Keith Crossan al sax e
voce, Randy McDonald al basso e Shad Harris alla batteria.

Arto Lindsay, John Zorn, Marc Ribot

E' una produzione originale del festival in esclusiva europea. E' un
tributo alla formula del trio, determinante nell'evoluzione della musica
di Zorn fin dal fondamentale "Locus Solus". Ribot è l'uomo che ha saputo
fondere i colori asciutti del blues con l'atonalità più avventurosa,
mentre Lindsay ha portato la sua chitarra a una sintassi rumoristica da
cui non potrà prescindere la futura scena noise. Zorn è il guru indiscusso
della nuova musica di NY.

Prima dell'evento newyorkese Arto Lindsay suonerà con la sua band, che
vede Melvin Gibbs al basso, Skooter Warner alla batteria e Takuya Nakamura
alla tastiera, affiancati dal brasiliano Vinicius Cantuaria.

The Duke Robillard band

E' uno dei più versatili chitarristi americani di oggi, il suo stile molto
personale è messo in evidenza nei più diversi stili musicali come rock'n
roll, jazz, blues e soul. Robillard ha lavorato per 13 anni con i Romful
of Blues, ha fatto parte di gruppi famosi come The Fabulous Thunderbirds e
Legendary Blues Band. La sua discografia come solista è giunta al
tredicesimo album e tocca con "After hours swing session" nel 1992 l'apice
del successo a livello mondiale. Con Duke Robillard alla chitarra e voce,
Douglas J. Schlecht al sax tenore e baritono, Dannis Taylor al sax tenore,
James Packer al basso e Dannis Cotton alla batteria.

Walter Trout & The Free Radicals

E' uno dei più apprezzati bluesman statunitensi. Negli anni Ottanta
l'ingresso nella band dei Canned Heat fu decisivo per la carriera di
questo talentuoso chitarrista. Qualche anno dopo entra a fare parte dei
BluesBreakers di John Mayall per 5 anni. Trout è un artista di fama
internazionale, e il suo stile incisivo e dinamico è un punto di
riferimento per le nuove generazioni del rock e del blues. "Living every
day" dello scorso anno è il suo disco di maggior successo commerciale. E'
al suo primo appuntamento live in Italia dove presenterà l'ultimo cd "Face
the music, live on tour"con James Trapp al basso, Bernard Pershey alla
batteria e Paul Kallestad all'organo Hammond B3.

Lucio Dalla e Jim Hall

Lucio Dalla band

Inizia a suonare il clarino all'età di 14anni, esibendosi in varie
formazioni jazz fino ad essere considerato, negli anni Sessanta, una delle
promesse del trad-Jazz italiano. Compone musica da film per Monicelli,
Antonioni, Verdone, Campiotti e altri. Memorabile poi la sigla di "Lunedì
Cinema" per la tv. Ha suonato con alcuni tra i più grandi jazzisti, tra
cui Baker, Petrucciani e nel 1969 con Jim Hall a Sorrento. È entusiasta di
incontrarlo di nuovo a Mantova accompagnato da Ricky Portera alla
chitarra, Roberto Costa al contrabbasso, Fabio Copini alle tastiere,
Roberto Gualdi alla batteria e Gionata Colaprisca alle percussioni.

Jim Hall trio

Il maestro indiscusso della chitarra jazz contemporanea in uno dei suoi
trii "perfetti", con Scott Colley al contrabbasso e Terry Clarke alla
batteria. Ogni concerto di Jim Hall è, come sempre nel caso dei maestri
sommi, il racconto di una vita.

Gibellini Tavolazzi Beggio jazz trio

Cominciò a farsi ascoltare durante l'esplosione della "new wave" del jazz
italiano, a cavallo tra anni Settanta e Ottanta. Sandro Gibellini emerse
immediatamente grazie a quell'istinto infallibile che solo lui sembrava
possedere. Jazzman autentico e improvvisatore che non teme confronti, una
doverosa segnalazione per il migliore dei chitarristi jazz italiani con il
suo grande trio completato da Ares Tavolazzi al contrabbasso e Mauro
Beggio alla batteria.

_________________

_________________

Sul sito:

biografie complete degli artisti:

www.arci.it/mantovajazz/artisti.html

storia del festival: www.arci.it/mantovajazz/storia.html

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Un pomeriggio al lavoro con Gel: Angeli e Demoni al centro per le dipendenze patologiche