Marco Parente alla Triennale della Ruhr

25/09/2003

Marco Parente sarà il 4 ottobre tra gli ospiti della manifestazione "The Century of Song" organizzata dalla Triennale della Rhur in Germania. Per l'occasione si esibirà in un set acustico (voce e chitarra) accompagnato al pianoforte da Stefano Bollani; formazione questa, che metterà in bella evidenza la parte più intima delle canzoni di Marco Parente.

La Triennale della Rhur ha organizzato tra il 2003 e il 2004 venti progetti ideati da Thomas Wördehoff, relativi alla canzone nel XX secolo.

Le rappresentazioni si svolgeranno presso uno stabilimento siderurgico in disuso nella regione della Ruhr che ha conservato la sua architettura industriale originale: "Jahrhunderthalle" di Bochum (D).

La manifestazione sarà suddivisa in due momenti: una sezione angloamericana, comprendente i diversi generi di composizione del nord e sud America e dell' Inghilterra sotto la direzione artistica del chitarrista americano Bill Frisell; una sezione europea continentale diretta dal compositore "bandleader" viennese Mathias Rüegg.

Riguardo a quest'ultima parte si prenderà in considerazione lo sviluppo musicale avvenuto nelle città di Berlino, Parigi e Vienna e la canzone europea caratterizzata dalle condizioni ambientali e linguistiche di ogni paese.

A rappresentare il panorama canoro italiano il 4 ottobre a partire dalle 20.00 oltre a Marco Parente sono stati chiamati Fiorella Mannoia, Ornella Vanoni, Nada, Antonella Ruggero, Avion Travel, Giorgio Gaslini, Vinicio Capossela, Gian Maria Testa e tanti altri.

Il prossimo lavoro di Marco Parente è previsto per gennaio 2004.

Si tratta di un album live realizzato con la partecipazione della Millenium Bugs' Orchestra, insieme alla quale l'artista ha suonato in varie date del suo recente tour (ricordiamo la fantastica performance alla Stazione Leopolda di Firenze).

Per info:
mailto:manuela@mescal.it /> mailto:giulia@mescal.it

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati