Mario Adinolfi ha lanciato Coez

13/07/2017 17:17

Che Mario Adinolfi faccia spesso parlare di sé non è una novità. Questa volta però non c'entra la sua battaglia per la famiglia naturale, o meglio c'entra fino ad un certo punto. Il giornalista, direttore del cattolicissimo quotidiano La Croce, ha condiviso sul suo profilo facebook "E yo mamma", il brano che Coez ha dedicato alla madre. Già nel 2014 Adinolfi aveva espresso pubblicamente il suo apprezzamento per il rapper romano, twittando orgoglioso "Domani sera a Ostia c'è Coez, il rapper più bravo e meno noto, che dal vivo è spaziale", ma questa volta non si ferma quì e i retroscena sono ancora più interessanti.

In questa storia, come nei migliori film americani, ci sono un affermato conduttore televisivo, che chiameremo Mario, e un giovane assistente con un sogno nelle tasche, che chiameremo Silvano. Un giorno salta l'ospite, il mega conduttore galattico potrebbe cancellare la puntata o chiamare un ospite dell'ultimo momento, ma non lo fa. Il giornalista decide di dare un'occasione al giovane Silvano, "so che fai rap. Vieni, ti intervisto e ti lancio". Qualche anno dopo il giovane Silvano cammina sulle sue gambe, oggi si fa chiamare Coez, il suo ultimo disco scala le classifiche e le sue date sono sold out in tutta Italia. Luci, sipario, applausi. Ci asciughiamo le lacrime uscendo dalla sala, nel cuore la storia del giovane Silvano. Soltanto che questo non è un film americano ma una storia vera, e sì, a quanto pare la carriera solista dell'ex Brokenspeakers è stata lanciata, o quantomeno spinta, da Mario Adinolfi, il leader del Popolo della Famiglia

Per Adinolfi questa, vista la canzone, è un'ottima occasione per lanciare il suo messaggio in difesa della famiglia naturale contro i mostri dell'occidente e della "teoria gender", parlando di "tanti giovani che cantano un inno alla mamma e alla famiglia". Questo però non è il momento né il luogo in cui parlare delle idee politiche di Adinolfi, delle sue continue sparate a zero e delle polemiche che ne seguono. Oggi non vogliamo fare nessuna guerra civile contro Adinolfi. Oggi vogliamo solo goderci la magia della vita, che a volte supera le migliori fantasie. 

Tag: lol strano e lol

Vi raccomandiamo:

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Nostalgia delle cassette? Due designer lituani hanno reinventato il walkman