"Gentaglia che deve andare a organizzare concerti nel deserto". Il comune attacca ancora il Radar Festival

Maurizio SaiaMaurizio Saia
29/07/2014 10:15

In un'intervista rilasciata a Il Mattino di Padova, l'assessore alla Sicurezza del comune di Padova Maurizio Saia ha pronunciato parole molto dure e pesanti agli organizzatori del Radar Festival, che proprio ieri avevano annunciato di non voler mai più organizzare il festival nella loro città. 
"Sono felice che vanno via. Anzi, siamo noi a non farli tornare. Non ho mai trovato una realtà che se ne fregasse così tanto delle regole. Mentre loro sabato sera incassavano soldi io giravo per gli appartamenti a verificare che le segnalazioni sul frastuono, provenienti da cittadini anziani e malati, fossero vere. Ho provato una forte rabbia e ho dovuto chiedere scusa ai cittadini come amministratore." Forse però all'assessore Saia sfugge che sabato sera il festival non c'è proprio stato, perché a causa del forte maltempo i concerti sono stati spostati in un club al coperto, il Circolo Mame.
Nell'intervista l'assessore ex-Pdl prosegue con toni ancor più aspri: "In quella zona non si può far suonare neanche un carillon. Noi amministratori dobbiamo render conto all’esasperazione dei cittadini e questa è gentaglia che deve andare a organizzare concerti nel deserto. Io lo dico da amante del rock: non sono mai andato a vedere un concerto in un posto così. Doveva essere un concertino e invece è diventata una gara di band. Non sono loro ad andar via, è Padova che non vuole che tornino più. Ora sono arrabbiato, e quindi fosse per me addebiterei qualsiasi cosa a loro. Però non escludo che l’amministrazione possa denunciarli perché lì sono stati commessi reati penali. Non avevano l’agibilità, il palco non era in sicurezza e gli impianti non erano a norma dal punto di vista elettrico. Se avessero suonato il giorno del ciclone Gea avremmo ritrovato il palco in Prato della Valle."

Tag: polemica

Commenti (3)

Carica commenti più vecchi
  • Marco Biasio 29/07/2014 ore 14:49 @bisius

    Contro quelli come te, Saia, non può esserci altro che infinito disprezzo e resistenza attiva...

  • pan 29/07/2014 ore 15:13 @pan

    "Mentre loro sabato sera incassavano soldi io giravo per gli appartamenti.." vuoti senza ke mi servisse un passamontagna...
    Il solito toro ke si rivolge all'asino.

  • PaBlo 29/07/2014 ore 15:34 @paolo1786

    Di questo passo l'unico palco a Padova sarà per la Lega e i suoi comizzi ...

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


Pannello