Megaupload, ascolta la canzone di Kim Dotcom dedicata al presidente Obama

Kim Dotcom all'attacco del Presidente Obama con una canzoneKim Dotcom all'attacco del Presidente Obama con una canzone
20/07/2012

Non è la prima volta che Megaupload sforna una canzone. Era accaduto anche pochi giorni prima della chiusura del sito, quando il grande capo Kim Dotcom chiamò a raccolta una serie di nomi più o meno noti per registrare Megasong, una canzone che magnificava il servizio di storage più usato al mondo.

Oggi Kim Dotcom torna con un nuovo pezzo e, vista la situazione non certo rosea in cui si trova, si rivolge direttamente all'uomo più potente del mondo. "Mr. President", questo il titolo della canzone, è infatti dedicata al Presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

Il pezzo parte subito con un perentorio "La guerra per Internet è cominciata" e continua attaccando la lobby di Hollywood, che terrebbe sotto scacco Washington, facendo pressione sui politici per avere leggi sempre più restrittive sul diritto d'autore. È di qualche giorno fa l'accusa di Dotcom al vicepresidente Joe Biden, indicato come l'uomo di Hollywood alla Casa Bianca. Giusto per chiudere il cortocircuito con Hollywood: l'immagine promozionale scelta da Dotcom ricorda molto da vicino la locandina di "Independence Day", film in cui la residenza del Presidente veniva distrutta durante la battaglia con gli alieni.

Kim Dotcom non si fa certo problemi a rivolgere richieste precise a Obama, sperando probabilmente di sfruttare il fatto di essere vicini alle elezioni presidenziali. Dichiara Kim Dotcom: "Il Presidente Obama dovrebbe controllare la situazione e rassicurare i suoi elettori che la libertà di Internet e l'innovazione sono tra le sue priorità. Dovrebbe considerare di aiutare milioni di utenti di Mega ad avere indietro i propri file".

Guarda il video di "Mr. President" di Kim Dotcom:

Tag: pirateria megavideo

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Top It 2017: i 20 dischi dell'anno secondo Rockit