MEI 2001: in preparazione la quinta edizione

17/04/2001

MEETING DELLE ETICHETTE INDIPENDENTI
IL PIU' GRANDE PROGETTO PER LA MUSICA INDIPENDENTE ITALIANA

Si è concluso positivamente il MEI 2000, la quarta edizione del Meeting delle Etichette Indipendenti che si è tenuta alla Fiera di Faenza sabato 25 e domenica 26 novembre u.s.

Già i nomi che sono stati presenti a questa edizione (impossibile ricordarli tutti, veramente) stanno a rappresentare significativamente il salto di qualità che la manifestazione ha fatto in soli quattro anni diventando un vero e proprio punto di riferimento per la scena della nuova musica italiana.

La presenza della Ministro per i Beni Culturali On.le Giovanna Melandri, che ha inaugurato il MEI 2000 e si è impegnata a favore di questo settore, Franco Battiato e manlio Sgalambro, premiati per i "Videoclip Indipendenti", l'On.le Vittorio Sgarbi ed insieme a loro di alcuni tra i gruppi più importanti del mondo del nuovo rock italiano come i Marlene Kuntz, Timoria, Tiromancino, Gang, Riccardo Sinigallia, B.A.U., Frankie Hi Nrg MC, Daniele SIlvestri, Massimo Zamboni, l'altra metà dei Csi, Il Parto delle Nuvole Pesanti, Punkreas, Tolo Marton, Enrico Capuano e tanti tanti altri, di uno straordianrio regista di clip musicali famoso in tutto il mondo come Tarsem Singh (suoi i video dei Rem, tanto per fare un esempio), dello scrittore Carlo Lucarelli per presentare il suo progetto editoriale "Radiopanico", la presentazione in anteprima del nuovo video di Biagio Antonacci sono -insomma. tutti elementi che contribuiscono a rappresentare la forza che ha assunto nel 2000 la "due giorni" del mondo indies italiano, che ha anche tra l'altro nuovamente aumentato le presenze degli operatori del settore e di pubblico. Un successo di colori e di suoni nell'area fieristica sempre piena con stand qualificati e professionali, sale gremite per convegni e incontri, concerti non stop al PalaMatchMusic con band e musicisti di alta qualità come i Baustelle, vincitori del Premio "Fuori dal Mucchio" del Mucchio Selvaggio per il miglior album d'esordio, Fiamma Fumana, nuova esperienza della Mescal, Tupamaros, Ramiccia, Medusa e tanti altri fino ad arrivare a circa 100 band live, l'opportunità di ascoltare band emergenti come gli Alcoor, che hanno vinto il concorso Brico Sound indetto da Rockerilla, i K del concorso Talent Scout per la miglior band sconosciuta, i Cvd e i Tecnicolor, che hanno vinto il premio del Corriere Romagna come migliori band emergenti della Romagna.

Da segnalare che a questi premi si è aggiungo il concorso di Rockit per il miglior sito web vinto dagli Hangin' on a Thread, il concorso "Out
Indies" per la miglior band e label indipendente straniera assegnato quest'anno a Blonde Redhead e alla Warp e che il Premio VideoClip Indipendenti, che ha premiato il miglior video dell'anno, oltre ad altri quattro premi (regia, fotografia, montaggio e soggetto) andati a registi underground che hanno certamente avuto un momento di visibilità per il loro (spesso, troppo spesso) oscuro lavoro. Inoltre, il MEI 2000 è stato anche la possibilità di incontrare in pochi metri quadrati tutti i più importanti discografici, promoter e artisti della scena pop tricolor con la presenza della RAI, di RaiSat (oltre naturalmente a Match Music) e di tantissimi giornalisti (tv, radio, internet, riviste, fanzine) provenienti da tutt'Italia, che hanno contribuito a comunicare "alla grande" la manifestazione offrendo anche opportunità utili a tutti i presenti. Sono questi alcuni degli elementi che hanno contribuito a lanciare definitivamente sul palcoscenico nazionale il MEI, grazie anche al supporto di sponsor come Vitaminic, Kataweb e Match Music, al sostegno diretto di Confesercenti Nazionale, Rockit e Mucchio Selvaggio e al supporto ricevuto da tutti gli Enti Locali, dal Comune di Faenza fino al Ministero per i Beni Culturali, passando attraverso la Provincia di Ravenna e la Regione Emilia-Romagna. Il MEI 2000 è diventato così un punto di incontro di grande importanza per tutta la nuova scena, grazie anche al prezioso lavoro di comunicazione realizzato da Mucchio Selvaggio, Match Music, Rockit, Rockerilla, Rock Sound, Duel, Musica & Dischi, Il Manifesto, Jam, Zio Giorgio, ma anche le tantissime radio e i tantissimi siti internet che hanno fattivamente collaborato alla diffusione del festival. Da qui non potrà che partire un progetto ancora più ampio e più forte (da realizzare in stretta collaborazione con il Ministero dei Beni Culturali e con altri partner commerciali) che porti ad aumentare il peso degli eventi musicali e dei premi nella prossima edizione del 2001, con un allargamento degli spazi utilizzabili nella città di Faenza (Palasport Cattani, Teatro Masini, etc.), ad aprire le porte al settore degli indipendenti italiani con prodotti "più dance e commerciali" e ad aprire i propri cancelli alle indies straniere affinchè vi possa essere un proficuo scambio (anche attraverso dei work-shop) tra indies italiane e straniere. tra l'altro già quest'anno vi sono stati contatti interessanti in tale direzione. L'altra nota certamente positiva e che merita di essere sottolineata è il sostegno arrivato dalla Ministro per i Beni Culturali On.le Giovanna Melandri che ha invitato gli organizzatori del MEI 2000 (che durante la due giorni hanno provveduto a costituire ufficialmente "AudioCoop", il coordinamento tra le indies di area rock italiane che ne raduna già oltre 80 e tra queste sono presenti i nomi più importanti della nuova scena) ad un incontro a Roma da tenersi nella prima parte dell'anno in corso per ragionare su un prossimo MEI che diventi una grande vetrina nazionale per la giovane musica indipendente italiana, che è "un pezzo importante della cultura italiana" come ha dichiarato la stessa Melandri alla stampa presente.

Naturalmente, è per noi una grande soddisfazione l'aver organizzato un MEI 2000 di così grande livello, grazie anche alla collaborazione fattiva di quanti (come Federico Guglielmi, John Vignola, Giulio Pons, Lucia Barbiero, Domenico Liggeri, Luca Fornari, Andrea Rosi, Giulio Di Donna, Mario Rivera e tantissimi altri) sono stati veramente indispensabili per la buona riuscita di tutta l'iniziativa, pur tra mille ostacoli e problemi che si incontrano ogni volta si organizzano grandi kermesse di questo tipo. Così come lo è il pensare di lavorare fin da ora (insieme a tutti coloro che hanno collaborato fin d'ora e a quanti vorranno affiancarci da questa edizione del 2001) a progetti di ulteriore valorizzazione (tra poco lanceremo le nuove iscirizioni per il nuovo anno per "AudioCoop" e stiamo ragionando su un ingresso proprio come "AudioCoop" in rappresentanza di tutte le indies rock all'interno dell'Afi per verificare la possibilità di poter portare a casa dei nostri associati un pò di risorse indispensabili per proseguire il proprio lavoro di "talent scout" musicali), non smetteremo di chiedere di concludere l'iter in Parlamento con la nuova Legge sulla Musica che permetta di accedere a fondi per gli organizzatori di festival musicali e per quei produttori che si occupano di lanciare nuovi talenti, di trattare con la Siae per diminuire balzelli a sfavore di chi lavora e produce in un settore (quello della musica indipendente del nostro paese) capace di dare opportunità di lavoro a qualcosa come circa 60 mila persone (musicisti, produttori, grafici, tecnici, promoter, autori, arrangiatori, studi di registrazione, etc.) delll'area sempre più vasta della musica indipendente italiana che contribuiscano sempre più a rafforzarla e a renderla orgogliosa di esserlo indipendente. Per renderla così più libera sotto tutti i punti di vista.


Materiali Musicali
www.materialimusicali.it

AudioCoop
www.audiocoop.it

MEI 2000
www.rockit.it/meeting

Tag: Meeting Etichette Indipendenti

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Wilma De Angelis canta "Non è per sempre" degli Afterhours