Milano, nasce “Cooperative Music”

09/09/2005

Milano, 8 Settembre 2005 - Comunicato Stampa

Nasce “Cooperative Music”:
nuovo network europeo di etichette indipendenti

Wichita Recordings, Bella Union e City Slang sono solo alcune delle etichette indipendenti unite sotto il capiente ombrello della Cooperative Music, un insieme di etichette licenziate dalla V2 con lo scopo di pubblicare la loro musica in Europa.

Cooperative Music, il cui lancio avverrà localmente nei 6 principali mercati europei entro il prossimo mese, è un network di “indies” creato per permettere la crescita di piccole realtà, sviluppando a livello internazionale il repertorio. V2 Music offrirà alla nuova struttura proprio il supporto necessario attraverso le sue affiliate locali.

Cooperative Music, ideata come struttura indipendente, è stata concepita da Tony Harlow, ceo di V2, insieme con il General Manager dell’affiliata francese Alain Artaud, che ne sarà responsabile avvalendosi della collaborazione di Vincent Clery-Melin, nominato recentemente General Manager di Cooperative Music, con base a Londra.

Cooperative Music dalla casa madre V2 si occuperà di offrire servizi di marketing internazionale e promozione alle etichette licenziate. Inoltre, si avvarrà, in Italia, Francia, Germania, Olanda, Spagna e Svezia, di 6 label managers per lo sviluppo del repertorio a livello locale.

Oltre alle indipendenti già associate a V2 da tempo come la Wichita Recordings (Bloc Party, Saul Williams e The Cribs) e la Luaka Bop di David Byrne, nella Cooperative vengono introdotte nuove realtà unitesi recentemente, quali la City Slang, realtà tedesca che annovera tra i suoi artisti Calexico, Lambchop, Broken Social Scene e Stars; Memphis Industries, con i nominati al Mercury Prize 2005 Go! Team; la Bella Union, fondata da Simon Raymonde dei Cocteau Twins, con The Dears, Midlake, Devics e My Latest Novel; l’etichetta irlandese Setanta (storicamente casa di Edwyn Collins e the Divine Comedy); l’inglese Moshi Moshi nota per aver pubblicato i primi lavori di Bloc Party, The Rakes e Hot Chip, oltre a contare tra le nuove speranze gli australiani Architecture In Helsinki; la Modular australiana; la svedese Rabid Records, etichetta del duo elettronico The Knife ; infine la Breastfed, che ha pubblicato all’inizio di quest’anno l’album di Mylo attraverso V2 in alcuni territori. La Cooperative Music cercherà nei prossimi mesi di ampliare il network con l’ingresso di altre etichette indipendenti.

Simon Raymonde (Bella Union) : “Quando osservo quello in cui siamo bravi (scoprire e far crescere nuove band, aiutandole ad uscire dal sottosuolo – spero!) e le occupazioni che rubano il nostro tempo prevalentemente (spedire scatole in tutto il mondo, ristampare ogni settimana I dischi, riscuotere fatture ...!) nasce spontanea la necessità di avere un’organizzazione centralizzata efficiente per queste operazioni e una struttura che AMI realmente ciò che facciamo. Pertanto ne è risultato perfetto l’incontro con V2. Abilità e velocità di risoluzione dei problemi sono vitali in questo settore, benchè rari da scovare. Sono eccitato al pensiero di vedere come si svilupperà nei prossimi anni questo progetto. La musica da noi scoperta ultimamente non è mai stata tanto affascinante, ed è davvero confortante sapere di avere la possibilità, in questo modo, di permettere a molti più appassionati di musica di raggiungere la nostra musica.”

Christof Ellinghaus (City Slang): "City Slang era affiliata al precedente network LABELS. Ma, dopo che i fondatori francesi della EMI non c’erano più, il nuovo incarico fu affidato a chi non diede molta luce a LABELS. E sparì l’intento. Adesso ci riproviamo, questa volta si chiama COOPERATIVE MUSIC, non vi è coinvolgimento della EMI, meglio forse. L’unica cosa che mi preoccupa e che vi siano di nuovo due francesi al comando...”

Al comando invece, in Italia, come label manager Valentina Paracchi, coadiuvata da Sara Potente (per le radio) e Chiara Ferrari (per la stampa).

I riflettori si accendono ufficialmente con l’autunno 2005 e con i lavori degli Stars di Montreal (City Slang), l’album di debutto di The Go! Team (Memphis Industries), il nuovo album del trio di Brooklyn Nada Surf (City Slang) e il nuovo album di Dirty Three (Bella Union), Her Space Holiday (Wichita), l’esordio di Au Revoir Simone (Moshi Moshi) e Amusement Parks on Fire, oltre al molto atteso ritorno del collettivo di Toronto Broken Social Scene (City Slang) previsto a ottobre.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati