Tra Mogol e gli eredi di Battisti è scontro

20/06/2011

Pochi giorni fa una prima polemica e la richiesta di danni per un festival su Lucio Battisti. Il motivo? La famiglia è convinta che il nome e l'immagine di Battisti sia stata troppo sfruttata negli ultimi anni.

Ora, un nuovo stop, sempre da parte degli eredi di Battisti. A farne le spese, questa volta, Mogol. È stato infatti lui a proporre a Ron di cantare un inedito che i due avevano composto ai tempi di "Una giornata uggiosa", ma che poi non era stato inserito nel disco. L'occasione era l'assegnazione del premio Mogol per miglior testo composto nell'ultimo anno - per la cronaca, ha vinto Jovanotti con "Le tasche piene di sassi".

In quell'occasione, Ron ha cantato "Il paradiso non è qui", ma la famiglia Battisti ha chiesto alla RAI - che il 23 giugno trasmetterà la registrazione dell'evento - di tagliare proprio l'esibizione di Ron dalla messa in onda. In questo caso, gli eredi dicono di voler rispettare le volontà del loro illustre parente. Come dire, se lui non ha voluto pubblicarla, avrà avuto i suoi validi motivi.

Non è servito a nulla l'intervento di Mogol, co-firmatario del brano, che ha sostenuto che il brano non è mai stato depositato in SIAE e quindi sarebbe libero da diritti d'autore. Niente da fare: la RAI ha deciso di tagliare il brano dalla trasmissione.

Per fortuna, gli eredi Battisti non sono ancora riusciti a fermare YouTube. Ecco allora il brano, registrato dallo stesso Lucio e - come detto - escluso dalla tracklist finale di "Una giornata uggiosa", l'ultimo album firmato Mogol-Battisti:



Per info:
www.luciobattisti.info

Commenti (1)

  • luca Riggio 14/09/2012 ore 23:25 @sintetico01

    Se Ron e Mogol avessero amato davvero lucio quel brano avrebbero dovuto lasciarlo nel cassetto. Visto che poi il testo è di Mogol..allora che porti in giro quello senza la musica ,anche se penso che interesserebbe a poki.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati