Suonare in lavanderia, dal barbiere o in un sexy shop: il tour secondo i Moseek

16/02/2017 15:05

Probabilmente vi sarà capitato di incrociarli su X Factor (sono arrivati alle semifinali dell'edizione numero 9), ma dalla fine della trasmissione di Sky i Moseek hanno continuato per la loro strada.
Un percorso che ha previsto un nuovo album ("Gold People", uscito lo scorso anno), qualche video (l'ultimo è "Tina (We Are Gold People") e una serie di concerti che negli scorsi giorni hanno toccato dei posti non esattamente convenzionali.  

Un barbiere, un sexy shop e una lavanderia a gettoni sono le tre location scelte dai Moseek per suonare dal vivo a Milano (prima di una data più "classica", stasera al Biko). L'idea non è recente, però. La band spiega: "abbiamo sempre fatto cose un po' sopra le righe, abbiamo iniziato anche un po' sul palco di X Factor perché Luca Tommasini ci faceva suonare nei modi più strani: su una bilancia, su una torretta, e via dicendo. È una cosa che abbiamo continuato a fare anche da soli, trovare delle maniere particolari di esibirsi è una cosa che ci diverte, e poi ci piace il concetto che si possa suonare davvero ovunque."

Le tre date dell'Unconventional Tour sono state sponsorizzate tecnicamente da Yamaha che ha fornito alla band gli strumenti per i live, che si sono rivelati molto interattivi: "ovviamente i passanti si fermavano ad ascoltare, non è usuale vedere gente che suona accanto a delle lavatrici, per esempio. Ma il live più divertente è stato quello dal barbiere in Isola. Era un posto particolarissimo, sembrava rimasto agli anni '70. Lo stesso barbiere è un signore molto singolare, e di conseguenza lo era anche la fauna locale che ha colorito un po' il tutto. C'è stato un signore che si è messo a ballare durante tutto il live, è stata una bella esperienza".

 

 

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati