Arriva Music Inc, l'app che ti fa giocare al discografico

Un'immagine dall'app Music Inc, lanciata ieri sul mercato ingleseUn'immagine dall'app Music Inc, lanciata ieri sul mercato inglese
06/02/2014 10:33

Di sicuro quella dell'educare l'ascoltatore in maniera creativa e coinvolgente per fargli comprendere la negatività della pirateria è una strategia che finora non è stata molto usata. 
A parte i video in stile Pubblicità Progresso con artisti canuti seduti nei loro salotti, in Italia poi non si è fatto proprio niente. In Inghilterra invece è stata lanciata ieri sul mercato un'app per iOS e Android che cerca di affrontare la questione in maniera totalmente inedita: l'utente è calato nei panni di un discografico che deve riuscire a scritturare le band che gli piacciono e, cosa più importante, a far quadrare i conti.

Sin dall'inizio si capisce che il punto di Music Inc. risiede nel business: l'utente/manager parte con un budget di 1000 sterline che deve scegliere di investire come meglio crede: per esempio in una band che costa 100 sterline e "trascina" 150 fan o in un'altra che ne costa 700 ma riesce ad attrarre 500 spettatori. Ogni band ha una scheda in cui si quantifica il suo valore in termini di carisma, creatività e motivazione.

Si passa poi allo studio di registrazione, alla realizzazione del disco e alla scelta del formato: cd, vinile, digitale o una combinazione dei tre? E quanto budget allocare ad ognuno? Quanto spendere per l'ufficio stampa e quanto per farli suonare sui palchi di grandi festival?
Arriva poi la parte più interessante e che dovrebbe far riflettere sulla "piaga" della pirateria, quella del grafico delle vendite:

Nell'app la percentuale di pirateria è calcolata attorno al 30%, quando invece nel mondo reale si aggira sul 90%, ma lo stesso far quadrare i conti sembra difficilissimo. 
Riuscirà un'app a sensibilizzare gli ascoltatori?


(via)
 

Tag: pirateria tecnologia app

Commenti (1)

  • Emanuele Vincenzi 07/02/2014 ore 12:57 @emanuelevincenzi89

    50€ minimo per andare a vedere un concerto...chissà dove riprendono i soldi dei cd o brani non venduti, ormai la musica è uno strumento per farti comprare il biglietto, il mercato è cambiato...

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati