La musica ci fa provare le stesse emozioni del sesso

Questione di dopamina, più o meno

Ascoltare musica
Ascoltare musica
28/04/2016 - 14:16 Scritto da Marcello Farno

Ascoltare musica è un'esperienza bellissima, lo sappiamo, ci aiuta in diversi momenti della nostra vita e recentemente abbiamo scoperto come possa essere altresì considerata a tutti gli effetti un'esperienza sociale, anche se ci troviamo nel chiuso delle nostre stanze o per strada isolati da un paio di cuffie. Il canale YouTube Life Noggin' ha prodotto un video cercando di spiegare la maniera in cui la musica agisce sul nostro cervello e ci fa provare quella speciale sensazione di godimento che poche altre esperienze riescono a darci.

Da alcune scansioni cerebrali effettuate su delle persone che ascoltavano musica, è stata rilevata un'attivazione del rilascio di dopamina. Questo famoso ormone viene secreto ogni qual volta siamo soggetti a stimoli che producono motivazione e ricompensa. Durante l'ascolto di una canzone quindi il cervello reagisce alla stessa maniera di quando ci troviamo a provare piacere per stimoli di carattere fisico, come il sesso, la buona alimentazione o l'assunzione di droghe. Proprio per questo motivo il nostro cervello ci incoraggia inconsciamente ad ascoltare sempre più musica e "a star bene".

La musica stimola inoltre diverse aree della nostra corteccia cerebrale, come quelle deputate al movimento, alla coordinazione e alla concentrazione. E, se non bastasse questo a convincervi che ascoltare sempre più musica vi farà sentire meglio, è stato verificato che i bambini con almeno tre anni di formazione musicale ottengono punteggi più alti nei test d'intelligenza rispetto agli altri loro coetanei.

video frame placeholder

(via)

---
L'articolo La musica ci fa provare le stesse emozioni del sesso di Marcello Farno è apparso su Rockit.it il 2016-04-28 14:16:00

Tag: scienza

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • daturino 5 anni Rispondi

    che brutte chiavate che ti fai , marcello