Musica riciclata: mp3 di seconda mano

28/02/2011

Nonostante il mercato della musica digitale viva ancora di grande confusione, il proliferare di musicisti sul web e l'abbattimento delle barriere di ingresso stanno generando una vera esplosione di startup digitali che sperano di monetizzare questo immenso magma di MP3. E nonostante il 99% dei nuovi operatori digital-musicali si riveli puntualmente un fallimento, nuove aziende continuano a cercare la chiave per un modello di business vincente, lanciandosi in imprese improbabili.

Ecco allora un'idea che al momento mancava: un sito di compravendita per MP3 USATI. Si chiama ReDigi e fornisce uno spazio dove rivendere gli MP3 legalmente acquistati ma che non vogliamo più, liberando spazio sull'hard disk e guadagnando anche qualcosa. Un mercatino dell'usato di brani digitali.

"Un ascoltatore tipo solitamente usa circa il 20 percento della musica che possiede, il resto rappresenta uno spreco di denaro e di spazio sull'hard disk" - sostiene John Ossenmacher, amministratore di ReDigi. "Con tutti i problemi legali relativi alla vendita e alla condivisione di musica digitale, le persone restano sommerse da canzoni che non vogliono più, costrette spesso a cancellarle per liberare spazio. ReDigi è la risposta a questo problema"

Non è molto chiaro come questo problema possa essere stato risolto, ma ReDigi sostiene di esserci riuscita con la sua tecnologia. Restano però molti dubbi: come certificare il possesso legale di un MP3 rivenduto come usato? come garantire che un MP3 non sia rivenduto migliaia di volte dallo stesso utente? quali diritti saranno redistribuiti agli artisti? come risponderanno le case discografiche? Va inoltre considerato che molte aziende che vendono MP3 hanno dei termini d'uso che non consentono il trasferimento delle canzoni ad altri utenti (vedi Amazon).

Insomma, rivendere musica digitale usata non è come vendere un cd fisico usato. Resta il fatto che i creatori di ReDigi sono convinti di aver trovato l'uovo di colombo. A dover puntare 10 euro, li metteremmo tutti su un ovvio fallimento di questa idea. Spesso però internet regala gloria inaspettata alle idee apparentemente più folli e rivoluzionari. E allora prepariamo i nostri hard disk per un grande mercato di MP3 usati.

Per info:
www.redigi.com/

Tag: siae musica digitale

Commenti (1)

  • Matteo 28/02/2011 ore 19:18 @matteomanighetti

    La musica digitale deve essere gratis, punto e basta. Queste cose fanno solo tristezza.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati