Nada a Hiroshima Mon Amour

13/05/2002

Giovedì 16 maggio sarà in concerto a Hiroshima Mon Amour Nada.

Ribelle per essenza e per emblema, da sempre, Nada ha attraversato senza compromessi trent'anni di musica italiana.

La cantante livornese ha una storia lunghissima alle spalle, iniziata nel 1969 al Festival di Sanremo, dove, allora sedicenne, si segnalò all'attenzione di tutti con "Ma che freddo fa", brano rimasto nella storia della musica leggera italiana. Da quella lontana edizione della kermesse sanremese sono passati parecchi anni, e Nada è riuscita a restare presente nel mondo dello spettacolo grazie a diverse produzioni, ottime collaborazioni e soprattutto uno spirito votato alla musica.

Ribelle, come il rock irruento e dolcissimo che oggi propone.

Un'impronta fortissima e inconfondibile: Malanima di cognome, sigaro in bocca, enuncia il suo credo in un sound di coriacea purezza, intriso di poesia fino all'ultima nota: a volte sussurrato, a volte urlato, a volte spinto in travolgenti cantilene. Sono le sue canzoni, quelle scritte da lei, in L'amore è fortissimo e il corpo no. Un sound figlio di un nuovo millennio, di cui Nada sfonda la porta con coraggio militante e con partners d'eccezione, come Citto Maselli, che ha firmato con le immagini del G8 genovese il video del brano Gesù.

E mentre in live fa pogare l'intransigente pubblico dei centri sociali, qualche nome della stampa specializzata la definisce "la risposta italiana a P.J Harvey". Un azzardo? Se ne può discutere dopo il concerto.

Uno show di puro rock d'autore, un'ora e mezza che spazia dai pezzi "storici" di Nada a canzoni tratte dall'ultimo lavoro, un concerto dove si alterneranno momenti sonori di forte impatto, come nella migliore tradizione rock classico a momenti di forte intimità.

Inizio concerto ore 22.30 - Ingresso € 10,00.

Per informazioni:
Hiroshima Mon Amour
Via Bossoli 83 - Torino
Tel. 011 3175427 fax. 011 3174997
e-mail: hma@iol.it

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Arriva a Bologna il biglietto sospeso per chi non può permettersi un concerto