Paola Turci vince il Premio Amnesty Italia

14/03/2006

La 4ª edizione del Premio Amnesty Italia è stata vinta dalla canzone "Rwanda" di Paola Turci. Il prestigioso premio indetto dalla Sezione Italiana di Amnesty International e Voci per la Libertà viene assegnato ogni anno al brano che ha meglio saputo affrontare il tema dei diritti umani. A vincere le tre edizioni precedenti erano stati "Il Mio Nemico" di Daniele Silvestri (2003), "Pane E Coraggio" di Ivano Fossati (2004) ed "Ebano" dei Modena City Ramblers.

Gli altri 9 brani in gara quest’anno erano "Ora O Mai Più" di Giulio Casale, "Gambadilegno A Parigi" di Francesco De Gregori, "Holyland" di Eugenio Finardi, "Mani In Alto" di Jovanotti, "Sale" dei Negrita, "Gastarbeiter" di Roy Paci & Aretuska, "Corpo A Corpo" dei Subsonica, "Bomba Innescata" dei Sud Sound System e "Immi Ruah" di Renato Zero.

La giuria, composta da critici musicali, rappresentanti di "Rwanda" (tratto dall’album "Tra I Fuochi In Mezzo Al Cielo" - 2005) per il testo insieme suggestivo e di denuncia, che ricorda all’opinione pubblica il “genocidio dei 100 giorni” durante il quale, nel 1994, nel paese africano venne sterminato quasi un milione di persone. Paola Turci riceverà il premio durante la IX edizione del concorso Voci per la Libertà - Una canzone per Amnesty che si terrà dal 19 al 24 luglio 2006 a Villadose (RO).

Per ulteriori informazioni:
www.amnesty.it

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati