Perturbazione a Torino

12/02/2002

BARRUMBA
Via San Massimo,1 - Torino
Info Line: 011 8194347

PERTURBAZIONE IN CONCERTO
MARTEDI' 12 FEBBRAIO ORE 22.30
INGRESSO CON CONSUMAZIONE € 6

Perturbazione: nome improvvido che oltre a suscitare polluzioni - se state ridendo sappiate che altri l'hanno già fatto e altri ancora lo faranno - rappresenta la storia di un nucleo di persone. Una piccola famiglia nata alle porte di Torino. A Rivoli, grande paese e luogo dell'anima per il gruppo. Tutto ha origine in un liceo, nel giurassico 1988. All'epoca adolescenti e privi di nozioni sull'uso e la manutenzione dello strumento - veramente anche dello strumento - fondiamo il gruppo. Trafila fatta di concerti di fine anno scolastico, canzoni contro didattica e corpo docente, le prime uscite live in qualche locale. Fughe e allontanamenti fanno sì che il gruppo abbia un assetto stabile - poi lentamente incrementato - solo dal '92. Diciamo, a maturità (scolastica) unanimemente conseguita.

I Perturbazione più che un semplice gruppo sono un'autentica famiglia. Passati attraverso street rock, baggy, grunge, low-fi, britpop, trip-hop, postrock, collaborazioni (Lalli, Gatto Ciliegia Vs. Il Grande Freddo, Stefano Giaccone, Lo-Fi Sucks!), gruppi paralleli (Anal Sorrenti, Cujo, Gnomi, Gruppo Sanguigno, Generazione Kombustibile, Synusite, bribe., Esterno D'Uovo, Banda Cavallero), bollette, vacanze e capodanni più o meno noiosi, amori archiviati, qualche doccia, sapore di sale, incidenti automobilistici, sapore di mare, il censimento, (scatole di) pizze, la caduta del comunismo, X-Files, decinaia di concerti, gli uffici siaenpalsraiarci e una preziosa amicizia col signor Petrini (ora affermato batterista della sempre gradevole trasmissione Domenica in), i Perturbazione si affacciano all'anno palindromo con il terzo disco.

Siamo gli anti-Pooh: loro erano musicisti che nel frattempo sono diventati amici, noi il contrario.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Un pomeriggio al lavoro con Gel: Angeli e Demoni al centro per le dipendenze patologiche