Come fermare la pirateria partendo dalle carte di credito

01/12/2014 16:55

Tra le nuove strategie per bloccare la pirateria in America c'è anche l'intervento sulle carte di credito. Il senatore Patrick Leahy - capo della Senate Judiciary Committee e già noto per le sue battaglie contro le violazioni del copyright – ha scritto una lettera indirizzata a Visa e Mastercard dove esorta le compagnie a controllare scrupolosamente i casi in cui i loro servizi siano utilizzati per scopi illegali. Le due carte di credito, infatti, sono tra le più scelte come metodo di pagamento per sottoscrivere abbonamenti premium dei cyberlocker, i siti di file hosting normalmente usati per lo scambio illegale di file.

I due operatori in passato si erano già dimostrati disponibili a bloccare ogni possibile attività illegale in rete: nel 2006 avevano interrotto i rapporti con il sito russo AllofMp3. Il senatore Leahy ha ritenuto necessario ricordare tale impegno in seguito al recente rapporto di Digital Citizens Alliance che, dopo l'interessante studio su tutti gli introiti dei banner pubblicitari ospitati da siti considerati illegali, continua la sua inchiesta nel tentativo di stimare a quanto ammontano i guadagni legati al mercato pirata. 

Secondo il senatore, collaborazioni di questo tipo "sono strategie molto promettenti per risolvere il problema delle violazioni online".

 

Via

Tag: pirateria tecnologia mercato discografico

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    La fiction RAI sulla vita di De Andrè è stata vista da oltre 6 milioni di spettatori