Video première: Piuma Makes Noise - Lullaby

12/02/2018 11:58 di

I Piuma Makes Noise sono una band romana che spazia dall’electrofolk al post rock. Il loro omonimo album d’esordio è uscito nel febbraio del 2017 per Dirty Box Label, e da quest’ultimo è tratto il singolo “Lullaby” di cui vi presentiamo il video in anteprima.

Piuma Makes Noise "Lullaby"


Il video di “Lullaby”, terzo singolo tratto dall’album, è diretto dal regista torinese Mauro Russo Rouge, che ha voluto il brano nella colonna sonora del suo nuovo film “IRA”: il chitarrista e produttore della band Glauco Strina e il regista ci raccontano di più del progetto in questa intervista.

Mauro, iniziamo con te. Come hai scelto questo brano?
Un amico mi aveva prestato il loro CD, consigliandomi l’ascolto, e quando ho sentito il brano mi ha trasmesso esattamente le sensazioni che cercavo e che volevo arrivassero al pubblico. Ho fatto una prova di accostamento delle immagini con la canzone, e insieme sembravano dare uno scopo alla vita sospesa dei due protagonisti.

Glauco, dal punto di vista dell’estetica musicale come si accosta un brano intitolato “Lullaby” ad un film che si chiama “IRA”?
"Lullaby" è un pezzo scritto di getto, con un arrangiamento un po’ diverso da quello del resto del disco, composto e inciso praticamente ad album concluso, su una linea vocale mandatami tramite whatsapp da Denise (Cash, cantante della band ndr), con una storia e una costruzione armonica molto emozionali. C’è una profonda similitudine tra il sentimento che provano i due protagonisti e quello descritto nella canzone, nonostante il rapporto non del tutto convenzionale tra i due personaggi. Forse Mauro ha trovato nelle sue note gli elementi necessari per farli immedesimare in maniera così profonda, in effetti musica e immagini legavano così bene che sembravano fatti l’uno per l’altra. In cuor nostro sapevamo che questo brano avrebbe avuto un destino più importante rispetto al resto del disco, e farà da apripista stilistico per i nostri prossimi lavori.

Glauco, i Piuma Makes Noise hanno prodotto un disco molto eclettico, che è stato definito da molti come internazionale. Vi sentite pronti per l’estero?
Sfruttando la distribuzione globale di questo film stiamo cercando di ampliare il nostro percorso, e penso che questo sia un vettore fantastico soprattutto per chi, come me, scrive canzoni con un songwriting quasi da colonna sonora, e che nell’ultimo anno ha collezionato parecchi tentativi di classificazione da parte di giornalisti e addetti ai lavori, trovando molto entusiasmo ma pochi paragoni con il panorama italiano. Avere un proprio brano in un O.S.T. è una sensazione stupenda, e dare la possibilità alla propria musica di accompagnare delle immagini di una certa importanza per poter andare a spasso per il mondo in braccio a qualcun altro (ride) è una cosa stupenda, ci permette di affrontare la scena internazionale in una maniera solida.

Mauro, “IRA” è il tuo terzo film in uscita dopo “Censurado” e “Aberrante”. Nella musica tutti vorrebbero andare all’estero, ma pochi ci riescono. Nel cinema è più semplice realizzarsi in terra straniera?
Come nella musica, anche nel cinema è il prodotto che determina se sia più o meno facile approdare all’estero. Il genere che io prediligo, il thriller psicologico, è di sicuro più apprezzato all’estero che in Italia, purtroppo. Ad esempio “Aberrante”, per i suoi contenuti decisamente violenti e il suo linguaggio cinematografico poco ortodosso, è stato molto apprezzato all’estero. È stato selezionato in molti festival e ha vinto anche premi importanti, come per esempio Miglior Film Drammatico ad Alessandria D’Egitto e Miglior Film Straniero al Sutter Creek International Film Festival in California. Anche “IRA” presenta elementi simili, ma anziché essere un thriller è un dramma esistenziale che ruota attorno alla vita soggettiva di due ragazzi e il loro rispettivo malessere. È un film con toni più leggeri di “Aberrante”. È più sensibile, più attento e poi presenta una peculiarità non da meno: è vero! Quando ho incontrato Silvia e Samuele, i due protagonisti, ho chiesto loro di mettersi a nudo e rivelarsi. Ed è stato proprio così. Abbiamo iniziato le riprese senza nessuna sceneggiatura. Ho cominciato a uscire con loro e stare in mezzo a loro mi ha motivato e ispirato. Quasi tutto quello che si vede nel film è successo veramente, senza alcun filtro.

 

Il film “IRA” sarà nelle sale nella primavera 2018, mentre il 22 febbraio al Largo Venue di Roma ci sarà il release party del video di “Lullaby”, in apertura agli americani Peach Pit. Prossimi appuntamenti dal vivo per i Piuma Makes Noise, il 24 marzo al M.A.T. di Viterbo e il 31 marzo al Conte Staccio di Roma per la presentazione dell’edizione remix del loro album d’esordio.

Tag: anteprima nuovo video

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Un pomeriggio al lavoro con Gel: Angeli e Demoni al centro per le dipendenze patologiche