Premio Tenco: dopo Basile, anche gli Afterhours non parteciperanno

Gli Afterhours non parteciperanno alla cerimonia del Premio Tenco come ospiti a sorpresaGli Afterhours non parteciperanno alla cerimonia del Premio Tenco come ospiti a sorpresa
28/11/2013 13:48

Continuano le polemiche scaturite dalle dichiarazioni del presidente SIAE Gino Paoli a proposito del Teatro Valle Occupato; dopo la scelta di Cesare Basile di non ritirare la sua Targa Tenco per miglior album in dialetto, si accodano ora gli Afterhours. Il gruppo ha fatto sapere tramite la sua pagina facebook che, in solidarietà con il collega Cesare Basile, non parteciperà alla cerimonia dell'8 dicembre come ospite a sorpresa.

Ecco la nota originale diffusa dagli Afterhours:

In solidarietà con l'artista Cesare Basile e i teatri occupati, gli Afterhours declinano l'invito a partecipare in qualità di ospiti a sorpresa al Premio Tenco, in occasione della premiazione che si terrà l'8 dicembre al Teatro Petruzzelli di Bari.

Dispiace che il premio più prestigioso della musica italiana, che era riuscito negli ultimi anni a riavvicinarsi alle realtà più vere della scena nazionale, dimostri di non poter prendere posizione a tutela di quelle stesse energie che vuole rappresentare.

Quanto alla SIAE, deve decidere se vuole essere parte di un cambiamento necessario e improrogabile che dia a tutto il settore musicale e culturale una nuova spinta, o se vuole essere una delle cause che lo stanno soffocando.

Le regole sono necessarie, ma non si può chiedere a un cittadino di rispettare quelle che portano al suicidio di un sistema, così come non si può chiedere a un soldato di obbedire a degli ordini ingiusti.

Identificare nel fenomeno dei teatri occupati un problema, invece che una risorsa, è nel migliore dei casi un sintomo di incapacità totale di comprendere la forza rinnovatrice e la volontà di cambiamento espresse da queste nuove energie.

Più in generale nel nostro ambiente, gli eccessi burocratici e l'ossessione per la legalità spesso nascondono speculazioni piccole e grandi e in qualche caso mascherano una lotta di interessi che in questo momento non ha più motivo di essere e sta impedendo, nel nostro paese, il rinnovamento, lo sviluppo e il rilancio delle nuove energie.

Salvaguardare non può voler dire soffocare, a meno che l'unico obiettivo che vogliamo raggiungere non sia quello di morire onesti.
Afterhours

Tag: siae premio tenco polemica

Pagine: Afterhours Cesare Basile

Commenti (9)

Carica commenti più vecchi
  • Barbarius 29/11/2013 ore 11:21 @barbarius

    Levov, il discorso qui è molto più ampio e forse poco sconosciuto se non si è né autori né musicisti. Ti sei chiesto perché i Teatri vengono occupati e perché non pagano la Siae?

    Attualmente il sistema di ripartizione dei diritti Siae (soprattutto per gli eventi dal vivo) è una mezza farsa. Il 90% degli introiti viene suddiviso tra il 10% degli associati. Quindi, come ben puoi immaginare, a gente come Jovanotti, Vasco Rossi e compagnia bella di ripartire in modo equo le quote non è che interessi poi tanto.

    Più di un anno fa Umberto Palazzo ha fatto ben presente l'attuale situazione (basta fare una ricerca in rete e si trova notizia anche della class action). È necessario ripartire in modo diverso i diritti Siae.
    Gino Paoli aveva parlato di riformare la Siae, ma ha dimostrato di essere come i suoi predecessori.

  • luigi liccardo 02/12/2013 ore 12:23 @acrobatuv

    Il teatro occupato di catania, non intasca un bel nulla.
    E' offerta libera.
    Se vuoi fare l'offerta.

    PS. Gli spettacoli sono di gran lunga superiori a quelli di molti teatri dove si paga un biglietto astronomico...

  • fulvio82 04/12/2013 ore 16:16 @fulvio82

    Occupare un teatro per fare qualcosa è illegale, mettetevela via e crea concorrenza a tutte le altre situazioni che sono in regola. Ma poi tutte queste proteste verso la SIAE, potrebbero semplicemente disiscriversi e non registrare i futuri pezzi. Altro che non ritirare il premio tenco, quello avrebbe un senso.

  • Tazio Iacobacci 05/12/2013 ore 20:44 @polapola

    Infatti al teatro Coppola a Catania, funziona con le donazione volontarie.
    E' fantastico vedere come il concetto di legalità vi sia ancora caro, in un paese dove la legalità viene giornalmente massacrata proprio da chi ci chiede che venga rispettata. Hey, sveglia, vivete in Italia non a Vancouver.

  • Tazio Iacobacci 05/12/2013 ore 20:44 @polapola

    Correggo : "viviamo in Italia", ci sono anche io.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati