Porta a Porta: un'occasione persa

05/12/2003

04/12/2003 - Comunicato stampa dell'Associazione dei Fonografici Italiani

La recente puntata di Porta a Porta dedicata alle contraffazioni ha mostrato ancora una volta l’assoluta incapacità del settore della musica nel difendere e nello spiegare le proprie ragioni.

L’AFI – Associazione Fonografici Italiana – stigmatizza il fatto che per dibattere simili problemi tanto importanti per la discografia e per il suo futuro, non siano stati presenti esperti e operatori di sicuro a conoscenza dei reali problemi che provoca la pirateria, e le sue ripercussioni, né sia stato chiamato alcun rappresentante delle due principali associazioni dei discografici e della FPM (Federazione contro la Pirateria Musicale)

Mentre gli altri settori erano rappresentati da agguerriti avvocati e da imprenditori di successo, per la discografia parlavano Iva Zanicchi, Gigi D’Alessio – con argomenti chiaramente inadeguati – Franco Migliacci, neopresidente della SIAE, e Norina Vieri per i commercianti (peraltro presentata come rappresentante della discografia)

Se le altre categorie (ottica, orologeria, pelletteria ecc…) risultavano ingiustamente danneggiate dai prodotti falsificati, sotto accusa come al solito finivano le case discografiche che, a sentire gli altri, si approfittano di una situazione di oligopolio “di cui si dovrebbe occupare l’antitrust”.

Ancora più scoraggiante l’argomentazione del Vice Ministro dell’Economia Mario Baldassarri che, mostrando un’ “ignoranza” del problema non degna di un economista che rappresenta il governo – affermava che il prezzo del cd è troppo alto: dato che il costo di un cd è di un euro (compresi i diritti d’autore) è assolutamente incomprensibile un prezzo al pubblico di 20 euro.

In tal modo Baldassarri – anche Baldassarri !- confondeva inopinatamente il costo di fabbricazione con il costo di produzione che – lo sanno anche gli studenti delle scuole medie – è del tutto differente. E’ come dire che il prezzo di un quadro è determinato dal costo della tela e dei colori, o che quello di un libro è formato dalla carta e dalla stampa. A questo punto, Bruno Vespa non poteva che concludere allegramente che è logico che i giovani non possono spendere 40.000 lire per un disco. Inconsistenti le fragili argomentazioni di coloro che in quella sede, avrebbero dovuto lanciare un messaggio chiaro e forte a difesa del settore che più degli altri patisce del fenomeno della pirateria. Gigi D’Alessio : sì è vero che per ogni copia legale di un suo CD ne vengono stampate 10 illegali, ma quasi quasi sembra fiero di essere piratato anche se non lo dice esplicitamente (solo gli artisti famosi lo sono ) e Franco Migliacci , che solo a tarda ora, è riuscito a dire che dietro alla contraffazione c’è la criminalità organizzata e che manca in Italia la cultura della difesa del copyright. Sì il fenomeno è grave, ma quanto emerso non ha certo trasmesso al pubblico l’entità del problema che non coinvolge solo la discografia ma tutta la filiera del settore fino all’ultimo operaio. In fondo basta D’Alessio a chiudere la puntata al pianoforte per fare dimenticare (ammesso che ce ne fosse stato bisogno) le pene del settore musicale.

A dimostrazione, se ancora c’era bisogno, della scarsa valutazione che hanno istituzioni e politici della nostra categoria imprenditoriale e industriale, che opera per lo spettacolo, la comunicazione, il tempo libero, la cultura.

Per info:
www.afi.mi.it

Tag: mp3 siae

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    La fiction RAI sulla vita di De Andrè è stata vista da oltre 6 milioni di spettatori