Premio ZeroWatt

03/12/2000

Grande partecipazione al concorso
per l'azzeramento del debito ai paesi poveri e contro la pena di morte
ECCO I VINCITORI DELLA PRIMA EDIZIONE DI "DUEMILA E ZERO WATT"
SARANNO IN CONCERTO GIOVEDI' 7 DICEMBRE AL TEATRO SAN GIUSEPPE DI FAENZA
Il programma del concerto rock per il Giubileo
con i vincitori, i conduttori e gli ospiti

E' stata veramente notevole la partecipazione alla prima edizione del concorso rock per il Giubileo "Duemila e Zero Watt". Nonostante l'obbligatorietà sul testo -che doveva sensibilizzare sul tema dell'azzeramento del debito ai paesi poveri oppure sulla contrarietà alla pena di morte- sono stati ben 101 i partecipanti in regola con le norme del concorso -su 176 cd e demotape pervenuti- provenienti sostanzialmente da tutt'Italia.

In particolare va segnalato che sono giunti 25 artisti dall'Emilia-Romagna, 16 dal Lazio, 14 dalla Lombardia, 9 dal Veneto, 8 ognuno dalla Toscana, dal Piemonte e dalla Campania, 4 dalla Sicilia, mentre i restanti 10 sono pervenuti da Val D'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Marche, Umbria, Abruzzo, Calabria, Basilicata, Puglia e Sardegna. Sempre tra i 101 circa un quarto sono i cantautori, mentre gli altri sono tutti gruppi musicali.

Tra questi la qualificata giuria -attraverso alcuni meccanismi di preselezione- ha scelto gli undici artisti vincitori ai quali si aggiungono tre band scelte per la complessità dell'opera presentata.

In giuria, tra gli altri, hanno dato le loro preferenze Andrea Rosi di Vitaminic, Giulio Pons di Rockit, Lino Terlati, giornalista musicale, la conduttrice di Match Music Lucia Barbiero, i musicisti Manuel Agnelli, Verdena ed Estra, i manager Enzo Velotto della Viceversa Records e Federico Sparano della Artes. Va segnalato che le preferneze sono state date dai giurati in forma anonima -ascoltando solo i brani, numerati per l'occasione-, cioè senza conoscere il nome dell'artista che l'eseguiva. Una garanzia di totale imparzialità.

Alla fine gli artisti e i brani preferiti sono risultati:
il cantautore Gianluca Lo Presti di Ravenna con il brano "L'uomo che pensa", che è stato plurivotato ed è il brano preferito dalla giuria; i Libra di Mestre con "Caino"; i Bassapadana di Reggio Emilia con "Il giorno dei giorni"; i Celebration di Lugo con "Uomini come"; gli X-EL di Faenza con "Eloquio a Dio", gli N.D. Experience di Bologna con "Jungle"; gli Egocentro di Catania con "Veleno", i Kutso di Roma con "Senza Lacrime"; Dolores Olioso di Verona con "Troppo Rumore"; gli Zaum di Napoli con "Ora l'uomo" e Caterina Calderoni di Milano con "Ellis' Eyes".

Si tratta degli undici gruppi e artisti selezionati per il concerto finale che si terrà Giovedì 7 Dicembre alle ore 21 presso il Teatro San Giuseppe di Faenza ad ingresso gratuito.

I brani degli artisti saranno prontamente pubblicati su Vitaminic alla pagina: stage.vitaminic.it/materiali_musicali per la realizzazione di una compilation intitolata "Duemila e Zero Watt" e che conterrà i brani vincitori.

A questi si aggiungono -selezionati dalla segreteria organizzativa, per l'opera complessiva proposta- i Senza Patria di Milano con il cd "Sopra ogni cosa", i Taxi 109 di Anzio di Roma con il cd "Libera" e i Crusada di Ferrara con il cd "Senz'Anima".

Infine, per la serata finale si aggiungeranno certamente tanti altri ospiti. Tra questi da segnalare fin d'ora i Miraspinosa, una delle band di punta dell'ex Consorzio Suonatori Indipendenti, che presenteranno per l'occasione il loro nuovo album uscito per la Audioglobe, e la N.G. Music, band della Comunità di Sant'Egidio di Roma.

A condurre la serata -dal punto di vista musicale- ci sarà Lucia Barbiero, conduttrice e volto noto di Match Music Satellite, mentre insieme a lei sul palco ci sarà anche Diego Cipriani, animatore di Pax Christi Italia, che si occuperà della presentazione dal punto vista dei contenuti tematici relativi alla pace.

Tra gli interventi sono previsti quelli dei rappresentanti della Campagna Sdebitarsi e della Comunità di Sant'Egidio per la Campagna per la Moratoria della Pena di Morte nel 2000, oltre ad altri di associazioni impegnate nel campo della pace.

Durante la serata, sono previsti gli interventi del Vescovo Mons. Italo Castellani e del Sindaco del Comune di Faenza Ing. Claudio Casadio e dell'Assessore alla Cultura Dott.ssa Donatella Callegari.

Gli interventi verteranno -oltre che sui temi del concorso- sui temi generali della pace e della solidarietà, ricordando -tra l'altro- che nella stessa giornata a Faenza, nel pomeriggio, precisamente alle ore 15,30 in Piazzale Pancrazi di fianco allo Stadio Comunale "B: Neri" sarà inaugurato "Il Muro della Pace" da parte dell'Amministrazione Comunale e realizzato dagli studenti dell'Istituto d'Arte "G. Ballardini" di Faenza coordinati dal prof. Spagnulo. Di tale iniziativa si realizzerà un videoclip -a cura di Daniele Tigli- che sarà poi trasmesso durante la stessa serata al Teatro San Giuseppe.

Il Comitato Promotore di Duemila e Zero Watt è formato da: Assessorato alla Cultura del Comune di Faenza, Consulta delle Associazioni di Volontariato, Consulta Giovanile Diocesana, Redazione Il Piccolo e Materiali Musicali di Faenza. Tra le collaborazioni va certamente segnalata quella della Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche e di RCB - Radio Castel Bolognese.

Tra i partner, oltre allo sponsor Banca di Credito Cooperativo, ricordiamo le associazioni nazionali pacifiste e religiose che hanno aderito: Beati i Costruttori di Pace, Mani Tese, Moratoria 2000 - Contro la Pena di Morte, Chiama l'Africa, Pax Christi, Jubilee 2000 Coalition, Campagna Sdebitarsi - Per un Millennio senza Debiti, Peacelink, Agimi e Mosaico di Pace, oltre alle realtà musicali importanti e fondamentali come Vitaminic, Rockit, Match Music Satellite, Radio Città del Capo - Circuito Popolare Network e AudioCoop.

Il programma è ancora provvisorio e potrà subire variazioni e integrazioni.

Per tutte le informazioni:
Materiali Musicali - Tel./Fax. 0546.24647 E-mail: matmus@lamiarete.com />
Per una giustizia dei popoli e la salvaguardia dei diritti umani nel mondo.

Il Giubileo del Duemila è per noi il "tempo propizio" per tentare di realizzare una società più giusta e più rispettosa dei diritti di tutti, proponendo di sanare il debito estero dei paesi poveri, promuovere la cultura della pace e della non violenza per un mondo senza armi e senza pena di morte

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati