La prima volta dei Nadàr Solo

foto di Martina Caruso - Nadar Solofoto di Martina Caruso - Nadar Solo
26/09/2016 12:58 di

"La prima volta" è la rubrica di Rockit in cui i musicisti e le band italiane ci raccontano come hanno mosso i primi passi nel mondo della musica, dai primi dischi e concerti alla prima volta su un vero palco. Oggi la parola va a Matteo dei Nadàr Solo.

La prima volta che hai acquistato un disco
Avevo 12 o 13 anni, mi sembra di ricordare che presi un bel voto a scuola e mia madre mi portò al negozio di dischi sotto casa. Scelsi "Dookie" dei Green Day, appena uscito.

La prima volta che sei andato a un concerto
Il mio primo concerto vero fu Amnesty International, con mio padre, avevo 7 anni. In mezzo star internazionali come Springsteen, Tracy Chapman o Sting, salì sul palco anche Baglioni: lo fischiarono e gli tirarono le bottiglie... Non sapevo nemmeno chi fosse, ci rimasi male per lui.



(Anno 2009: De Simone e Puttilli sul set del video di "Sette Anni")

La prima volta che hai suonato uno strumento
Che io ricordi fu un organetto Bontempi, avevo circa 3 anni.

La prima volta che sei salito su un palco
10 anni, saggio di pianoforte. Una delle paure peggiori della mia vita.

La prima volta che ti sei sentito davvero un musicista
Non mi sono mai sentito un musicista in senso stretto. Mi sento più un autore che si esprime principalmente con la musica. Però devo dirti che raramente ho riflettuto su questo e non saprei dirti quando è stata la prima volta. Forse mi ci sento di più da quando mi è capitato di scrivere anche per altri, da un paio d'anni a questa parte. Forse lavorare anche con o per altri artisti ti rende più consapevole del tuo mestiere.

(Anno 2000. Gli Aneurisma, la prima band di Matteo De Simone e Federico Puttilli, si esibiscono allo storico Supermarket di Torino in apertura ai Los Bastardos.)

La prima volta che hai pensato di mollare la musica
La musica mai. Il mestiere musicale, a volte. Ma penso valga per ogni mestiere, specie nei momenti in cui gli stimoli scarseggiano. Ma poi ne trovi di nuovi e ti accorgi che erano solo dubbi e non una vera intenzione. Non saprei dire quando sia stata la prima volta.

La prima volta che hai sentito qualcuno cantare a memoria una tua canzone
Fu a Sarno, nel salernitano, durante il tour sgangheratissimo di "Un piano per fuggire", nel 2011. Nessuno veramente nessuno ci filava allora e venivamo da alcune date piuttosto deludenti, ma a Sarno trovammo inspiegabilmente un locale pieno di persone appassionate che conoscevano il nostro disco. Quella sera nacquero amicizie e un legame con quella zona della Campania che durano ancora oggi.

(Anno 2011: Vasto, Amenabar Café. Una data del tour di "Un piano per fuggire")

La prima volta che un tuo concerto è andato male
Pagella rock, selezioni dal vivo, nel 1998 o '99, non ricordo. Avevo con mio fratello e un amico una band chiamata Aneurisma, ancora non avevo conosciuto Federico. Mio fratello mandò in frantumi la batteria al primo pezzo, il microfono mi cadeva in continuazione e a quei tempi non avevo ancora interiorizzato, diciamo così, la regola dello "Show Must Go On". Ricominciammo lo stesso pezzo tre volte. Risultato: scartati subito.

La prima volta che ti sei emozionato ascoltando un disco
Ero bambino, non so che età ma ero molto piccolo. Ricordo due canzoni che mia madre ascoltava continuamente: "La donna cannone" di De Gregori e "Michelle" dei Beatles.

Tag: prima volta

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Wilma De Angelis canta "Non è per sempre" degli Afterhours