Reset 02, musica elettronica a Bologna

05/09/2002

6-7 settembre 2002
Bologna, Festa dell’Unità -Tenda Estragon, Parco Nord
RESET 02 - Festival di musica dance ed elettronica

Dopo il grande successo della scorsa edizione il festival di musica dance ed elettronica curato dall'Institute Of Dubbology, quest’anno decide di raddoppiare: le giornate passano da una a due. Cambia anche lo scenario: da Reggio Emilia si passa a Bologna, nelle strutture della Festa dell’Unità.

La prima giornata, il 6 settembre, offrirà la possibilità di un variegato viaggio nella musica elettronica attraverso le molte vie che si è saputa costruire in questi anni. Si parte dal micidiale impatto della musica del tedesco Timo Maas, voluto qualche mese fa da MTV proprio a Bologna per aprire il mega-evento Just A Peace Of Music: ma mentre in quell’occasione Maas aveva potuto dare solo un breve assaggio delle sue capacità, ora con questo appuntamento di ReSet potrà dimostrare per davvero perché è uno dei dj di maggior prestigio in Europa, capace di coniugare un seguito di culto nei festival tech-trance inglesi e centroeuropei con un successo non da poco nelle charts (l’album "Loud", aiutato dal singolo "To Get Down", ha dato la definitiva consacrazione al dj tedesco anche fra il grande pubblico). Altri headliner della serata sono gli X-Press 2. La loro "Lazy", con David Byrne alla voce, è uno dei tormentoni del 2002, un inno house raffinato e al tempo stesso beffardo. Si presentano a Bologna col loro esplosivo set a 6 giradischi e la loro capacità di coniugare il groove con l’eleganza.

Richard Scanty è uno degli scudieri prediletti di Sua Maestà Fatboy Slim, un mentore che non ha bisogno di molte presentazioni: l’allievo viene qua per dimostrare il suo valore a colpi di irresistibili breakbeat. Avril, dell’etichetta F Comm di Laurent Garnier, ci darà invece un avvincente saggio col suo live set sugli sviluppi del french touch nell’elettronica: sperimentazioni sonore che si coniugano con la forma-canzone, panorami cinematici opposti a intimismi digitali, sulla scia di quanto iniziato dagli Air qualche anno fa – una strada ricca di suggestioni per le future evoluzioni della musica elettronica.

Non manca la scena italiana: a Santos, capace di arrivare con la sua irresistibile miscela di house, campionamenti "shakadelici" e sorprese varie nelle playlist dei più grandi dj europei (nel suo monumentale "Live Brighton Beach", Fatboy Slim ha voluto inserire ben due pezzi di Santos, tanto per fare un esempio), si contrappone il rodatissimo team di Weekendance: il duo formato da Fabio De Luca e Luca De Gennaro già da anni fa da imprescindibile punto di riferimento per la club culture italiana grazie al suo programma su Radiodue Rai. Completano il cartellone della prima giornata i breakbeat e le invenzioni sfornate da Alex Dandi, 5th Suite e Groove Safari, così come quelle ad opera di Marco "Peeddoo" Gallarani, A&R di una delle più brillanti etichette dance emergenti di casa nostra, la Mantra Vibes (è da lei che arrivano Santos ma anche i recenti remixer dei Subsonica, ovvero i Drive Red Five, o Le Dust Sucker).

La seconda giornata, il 7 settembre, organizzata con la collaborazione di Break Staff Apocalypse, vedrà in scena il meglio della drum’n’bass, con qualche divagazione nel dub o nel 2 step. Di Andy C si può dire che è uno dei condottieri della seminale etichetta RAM Records, e in combutta col socio Shimon ha sfornato circa un anno fa quella "Bodyrock" che è senza ombra di dubbio la traccia che più ha lasciato il segno da un anno a questa parte nel giro d’n’b: per Andy C, la definitiva consacrazione nell’olimpo dei "grandi". Grande è l’attesa per sentirlo dal vivo. Altrettanto si può dire per Peshay, rispettatissimo nome nella scena, ormai un "padre nobile", ma sempre pronto a sperimentare, a seguire nuove vie. I suoi dj set sono tuttora ricercatissimi, grazie ad una tecnica eccezionale, ad una conoscenza della drum’n’bass che ha pochi pari, ma anche alla capacità di saper inserire elementi funk "vecchia scuola" all’interno dei futurismi junglisti.

Se Peshay e Andy C mostrano il passato prossimo e il pulsante presente della scena drum’n’bass, Smith&Mighty ne sono gli indiscutibili precursori. Fra i primi ad esercitarsi nelle ritmiche accelerate della jungle, quando ancora pareva un azzardo farlo, rappresentano l’anima di quella Bristol che nell’ultimo decennio ha sfornato gruppi come Portishead, Massive Attack, Tricky.

Maddslinky è un progetto che mette assieme una delle grandi eminenze del 2 step, ovvero Zed Bias, con Dj Rocca, colonna sonora del Maffia Sound System. Il risultato è un incrocio fra eleganti atmosfere jazzy e spezzate ritmiche irresistibili da ballare, tipiche del 2 step. Un grande amante del 2 step è senz’altro Alessio Bertallot, che comunque col suo innovativo programma "B-Side" sulle frequenza di Radio Deejay offre ogni sera un amplissimo spettro sulla musica dance ed elettronica più appassionante ed illuminata.

A completare il cartellone ci sono autentiche istituzioni della scena d’n’b italiana come Link Drum’N’Bass Arena e Maffia Sound System, oppure giovani leoni emergenti come la crew del Basebog Camp e il vincitore per la categoria drum’n’bass del concorso U Music Syncopator.

Non mancheranno in entrambe le giornate i visuals, a cura del romano DDG, già all’opera nelle serate Agatha o al recente Nike Village di Roma.

Il programma:

Venerdì 6 settembre
Ore 18pm / 5am - Ingresso € 16,0

TIMO MAAS
X-PRESS 2
RICHARD SCANTY
AVRIL (live set)
SANTOS & MANTRA VIBES
WEEKANDANCE
ALEX DANDI
5TH SUITE
GROOVE SAFARI

Sabato 7 settembre
Ore 17pm / 5am - Ingresso € 14,00

ANDY C
PESHAY
SMITH & MIGHTY (live PA)
MADDSLINKY (Zed Bias & Dj Rocca)
ALESSIO BERTALLOT (+ Dj Fiore & Dj Aladin)
MAFFIA SUOUND SYSTEM
LINK DRUM’N’BASS ARENA
BASEBOG CAMP
SYNCOPATOR (live set)

Le serate si terranno anche in caso di pioggia. E’ prevista la possibilità del campeggio.

Per informazioni:
IOD- Institute of Dubbology
tel 0522.282128
e-mail: iod@maffia.it
www.maffia.it

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati