Riportando tutto a casa: il tour degli Aucan in cinque mosse

Gli Aucan tornano a casa dopo diciotto mesi di tour e raccontano i cinque momenti più belliGli Aucan tornano a casa dopo diciotto mesi di tour e raccontano i cinque momenti più belli
17/09/2012

A diciotto mesi dall'uscita di "Black Rainbow", gli Aucan hanno chiuso il loro tour. Abbiamo chiesto loro di individuare i cinque momenti più importanti.

 

02/08/2012, Rock in Roma
A maggio abbiamo ricevuto una mail dai Placebo che ci invitavano ad aprire le loro date italiane. Suonare davanti a 8000 persone al Rock in Roma è stata un'esperienza forte, così come è stato gratificante ricevere ancora una volta i complimenti di Brian, Stefan e Steve sul palco, poco prima dello show. Ovviamente qualcuno ha messo in giro la voce che ci siamo comprati lo slot... :)

14/07/2012, Redentore al Quadrato, Jesolo (VE)
La data di Jesolo al Redentore è stata una tappa importante. Il momento più bello però è stato il dopo festival, quando Tom Rowlands ci ha invitato nel backstage dei Chemical Brothers, dove siamo rimasti fino a notte fonda. Con lui abbiamo parlato di musica, mosaici egiziani e produzioni in studio. Poi ci ha invitati a casa sua ma non c'era posto sull'aereo. Tom, TVB.

14/10/2011, Scopitone, Nantes
Il festival Scopitone è un enorme laboratorio di ricerca su arte e tecnologia dove suonano progetti musicali all'avanguardia, vedi un trio di giapponesi che con un elettrostimolatore a tempo di musica si iniettava scariche elettriche in faccia. Quindi gli Aucan sono un progetto all'avanguardia? Dell'arte o della tecnologia? O dell'elettrostimolazione iniettiva? E ancora, cosa vuol dire shinatzu in giapponese? Elettrostimolatio.

04/02/2012, MI AMI ANCORA, Milano
Al MI AMI invernale ci avete lasciato tenere il volume come volevamo noi, non come al MI AMI estivo che vien sempre fuori una roba a metà. Bisogna intraprendere un percorso di protesta per poter consentire il regolare svolgimento dei concerti a un volume mostruoso al Magnolia. Siamo con voi.

28/06/2012, Fusion Festival, Berlino
Il Fusion a Berlino è Woodstock, più bello. Abbiamo avuto l'occasione di vedere il live di Kuedo e di tifare per l'Italia davanti a una semplice TV da campeggio circondati da una schiera di energumeni tedeschi: Trattenere l'urlo dopo il primo gol di Balotelli è stato difficile, dopo il secondo impossibile! A mezzanotte siamo saliti sul palco davanti a migliaia di persone e finito il concerto siamo partiti col furgone per Trento. Hardcore.

Tag: concerti

Commenti (2)

Carica commenti più vecchi
  • chameleon36 17/09/2012 ore 14:44 @chameleon36

    onore al merito!

  • Giulio Pons 17/09/2012 ore 15:39 @pons

    Riportando tutti a casa era il primo disco dei Modena City Ramblers. :-)

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

Max Casacci ha invitato la RAI a inaugurare un canale dedicato alla musica indipendente