Riunione Audiocoop: grandi risultati

17/02/2005

Assemblea della terza associazione di discografici italiani

AUDIOCOOP CRESCE, COME IL MEI E TUTTA LA NUOVA SCENA MUSICALE ITALIANA, PER OTTENERE PIU' SPAZI E PIU' DIRITTI!

Straordinaria assemblea nazionale di AudioCoop e del Mei Fest a Bologna: grande partecipazione, importante dibattito e grande unità nel rinnovamento! Confermate le linee di lavoro e confermato all'unanimità Giordano Sangiorgi alla Presidenza di AudioCoop - Ecco il nuovo Comitato Direttivo

E' stata un'Assemblea Nazionale di AudioCoop straordinariamente bella e partecipata, quella di sabato 12 febbraio. Strapiena la sala convegni del Museo della Musica di Bologna con oltre cento partecipanti, fin dalle 9 e 30 del mattino; ricco di interventi il dibattito e pieno di stimoli interessanti per la crescita della terza associazione di discografici italiana.

Approvata all'unanimità la linea di lavoro della Presidenza che ha portato in poco tempo AudioCoop a diventare la terza associazione di discografici italiani riconosciuta da Siae, Scf, Imaie e gli altri soggetti istituzionali. Diventato punto di riferimento e di dialogo con le strutture governative e ministeriali per le attività di promozione a favore della musica, pur nell'assenza totale di interventi da parte dell'attuale Governo. E da un po' di tempo diventato grazie alla sua crescita e alla sua importanza riferimento anche per accordi con la nuova distribuzione su telefonia e on line e per la partnership con alcuni importanti festival in Italia e con alcune fiere all'estero.

Un lavoro apprezzato da tutti che deve proseguire , per fare un definitivo salto di qualità a favore di tutta la scena indipendente discografica italiana, lavorando a favore di una sempre maggiore unione tra i diversi soggetti discografici presenti nel paese, che devono trovare in AudioCoop la vera associazione di riferimento della nuova produzione musicale italiana, pur mantenendo autonomia e diversità nelle produzioni sonore- affinchè si possa essere dei portavoce sempre piu' importanti per interlocutori istituzionali e di mercato per vincere la sfida con le major che lavorano all'annullamento delle tradizioni e dell'identità , anche rinnovate, audio-video dei singoli paesi a favore di un unico prodotto musicale globalizzato buono da vendere in tutti i paesi. Così da ottenere piu' attenzione e piu' ascolto e piu' diritti, in termini sia di spazi di visibilità che di ripartizione di diritti economici fino ad oggi -prima dell'intervento di AudioCoop, mai distribuiti alla nuova scena musicale italiana.

AudioCoop deve lavorare, unendo tutti, contro questo brutale processo di macdonaldizzazione della musica valorizzando tutte le produzioni discografiche del made-in-Italy capaci di far crescere non solo il proprio settore, ma di dare valore a tutto il settore cultura del nostro paese.

Dopo la relazione del Presidente che ha indicato per il dibattito i punti di crescita e le risorse umane ed economiche per realizzarle, si è tenuto un proficuo e stimomante dibattito che ha presentato punti di grande utilità per focalizzare al meglio i propri obiettivi. Sono intervenuti Luca Fornari, Giampiero Bigazzi, Massimo Visentini, Giulio Tedeschi e Luca Stante che hanno, pur con diverse posizioni e marcando maggiormente alcune altre necessità, condiviso totalmente il lavoro svolto.

Il dibattito si è poi aperto con gli interventi belli e utili di Claudio Chianura, Fabrizio Brocchieri, Enrico Capuano, Emanuele Saladino, Fulvio Pinto, Stefano Senardi e tanti altri.

Grande unità alla fine nell'ingresso di nuovi soggetti nel Comitato Direttivo di AudioCoop che ha da oggi queste cariche: Giordano Sangiorgi del Mei di Faenza(Presidente), Luca Fornari di Anagrumba e Giampiero Bigazzi di Materiali Sonori (Vice Presidenti), Giulio Tedeschi della Toast, Enzo Onorato di Lilium Produzioni, Massimo Visentin di Studio 80, Luca Stante di Eko Music, Leandro Partenza di Lady Management, Enrico Capuano di Blond Records, Demetrio Chiappa di Doc Servizi, Dario Guglielmetti di Tube Records, Rambaldo degli Azzoni di Storie di Note e Alessandro Mazza di Hullaballo formano il nuovo Comitato Direttivo. A questi si aggiunge con l'incarico di Presidente Onorario - per il 2005- Stefano Senardi di Radiofandango. Inoltre, come invitati esterni saranno presenti Fabrizio Brocchieri e Fulvio Pinto per la parte live e per i contatti con il Circuito del MeiFest coordinato da Michele Lionello, Leonardo Rebonato e Elisa Praturlon. Grande unanimità su questo progetto di crescita, al quale si affianca per un lavoro di ufficio stampa Fabio Gallo de L'Altoparlante. La Presidenza è incaricata di verificare una maggiore territorializzazione di AudioCoop, viste le tante richieste pervenute, e di proporre una nuova rete operativa quanto prima utile a rafforzare la presenza di AudioCoop non piu' e solo a livello regionale , ma anche a livello locale. Questi tutti i soggetti che hanno dato la loro disponibilità e formeranno i nuovi punti di riferimento della terrtorializzazione di AudioCoop: Giulio Tedeschi Toast Records, Massimo Visentin di Studio 80, Betulla di Cuneo, Emanuele Saladino di Lancelot Records, Andrea Falzone di Siam , Marco Romanelli, Enzo Onorato di Lilium, , francesco Piccarreda di Iperspazio, Dario Guglielmetti di Tube Record, Francesco Casoli di AudionetLive, Gatti Promotion, Claudio Chianura di Auditorium, Eliteetoile, Leonardo Rebonato di Doc, Alessandro Formenti di Alef Music, Gianluigi Potenza di Red Led Records, Mauro Missana di Radio Onde Furlane, Luciano Fricchetti di Ossigeno, Matteo Medori di Bo Sound, Zeta Promotion, Alkatraz, Duty to Fly, Stefano Mauro di PmA, Paolo Naselli Flores di Urtovox, La Banda Gastrica, Black Out, Stefania Cundari di Lady Management, Ephebia, Kut Music, Davide Catinari di Vox Day, Enrico Capuano di Blond Records, Fabrizio Brocchieri di Cinico Disincanto, Indiegesta, Sound Factory, RiSuono, Muving, Free Pass, Alessandro Mazza di Hullaballoo, A13, Danilo Sulis di Coa, Carlo Caiaro di Universound, Luca Stante di EkoMusic, Katia Rindone di Stonature, Emanuele Gentile ed altri per un totale di oltre 40 punti di riferimento per AudioCoop territoriali da costruire. Si lavorerà, oltre che sugli obiettivi già perseguiti da tempo e sul quale si proseguirà il positivo lavoro finora svolto, su grandi temi come la Legge sulla Musica, l'Enpals, il Rapporto con i Media e la Distribuzione.

Su questo si costituiranno dei veri e propri gruppi tematici.

L'incontro ha veramente stimolato tutti tanto che si è proseguito in grande armonia ed amicizia a tavola con oltre 50 persone che si sono poi fermate anche a pranzo. Veramente bello: una rete di relazioni professionali e umane per la crescita della nuova musica italiana capace di confrontarsi e di crescere ma di stare anche bene insieme. Nel pomeriggio poi si è aperto il confronto per la crescita del Mei Fest. Anche qui appassionato dibattito e confronto che ha portato i coordinatori Michele Lionello e Leonardo Rebonato a stendere un piano di operatività che si attuerà fin dai prossimi giorni (band del Mei Fest on line, proposte a agenzie e festival, avvio gemellaggi tra festival etc). AudioCoop riunirà il prossimo nuovo Comitato Direttivo a Firenze entro un paio di mesi, mentre il Mei Fest si riunirà nuovamente a Bologna sempre entro una sessantina di giorni. A Roma è poi prevista una presentazione pubblica alla stampa di AudioCoop, come terza associazione di discografici in Italia.

Durante la giornata la Toast Records ha ricevuto un riconoscimento per i vent'anni di attività, mentre sono intervenuti per un saluto e un rafforzamento della collaborazione: Giovanni Natale del CdA della Siae, Gianfranco Borgatti dell'Uncla e Antonino Salerno del Siam.

La giornata si è poi conclusa a Villa Serena di Bologna con il primo concerto del Tour dei Diritti.

AudioCoop Nazionale
Tel. 0546.24647, 0546.646012
www.audiocoop.it
E-mail: mailto:info@audiocoop.it

Tag: audiocoop

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Abbiamo visto in anteprima "Fabrizio De Andrè - Principe Libero"