La rivincita delle major: Trent Reznor dei Nine Inch Nails cambia bandiera e firma per un'etichetta

I Nine Inch Nails tornano su major: finisce l'esperimento di totale autonomiaI Nine Inch Nails tornano su major: finisce l'esperimento di totale autonomia
17/10/2012 di

In questi anni, parlare dei Nine Inch Nails non significava solo parlare di una band, ma di un vero e proprio esperimento. Ovvero l’esperimento di una band di enorme successo che pubblicava in totale autonomia, rinunciando alla possibilità di contratti decisamente remunerativi in cambio di una indipendenza assoluta nelle scelte artistiche e produttive.

Per questo motivo, la notizia rimbalzata in queste ore da Los Angeles diventa qualcosa di più di una notizia su un gruppo americano: con il prossimo EP, Trent Reznor tornerà su major con il suo progetto How To Destroy Angels, per l’esattezza la major sarà Columbia. E la ragione è ancora più inattesa: è tutta colpa dei Radiohead.

Durante un incontro tenutosi a Los Angeles con David Byrne, il frontman dei Nine Inch Nails Trent Reznor ha rivelato che la decisione è maturata tempo fa, durante un tour in Europa. In attesa di un live a Praga, infatti, Reznor si è aggirato tra gli scaffali di un negozio di dischi e si è accorto che non esisteva nessun settore riservato ai Nine Inch Nails, che avrebbero suonato quella sera, mentre era ben ricco lo scomparto dedicato ai Radiohead, che invece sarebbero arrivati a Praga mesi dopo.

Questa differenza ha spinto Reznor alla convinzione che qualcosa non stava andando nel verso giusto: ecco allora la scelta di ripensare al marketing e alla promozione della band, idea che ha spinto Reznor verso la decisione di affidare a qualche professionista la gestione di questo aspetto. E la soluzione più semplice è stata quella di tornare ad affidarsi a una major.

La motivazione, insomma, sarebbe pragmatica e ben poco legata a ripensamenti filosofici o etici, ma resta il fatto che, proprio come i Radiohead dopo "In Rainbows", si è di fronte a una vera e propria marcia indietro, che a suo modo segna la fine di uno degli esperimenti (anti)discografici più interessanti di questi anni.

[via]

Tag: discografia pirateria

Commenti (3)

Carica commenti più vecchi
  • Garage Records 17/10/2012 ore 10:03 @garagerecords

    non è un tornare indietro, ma probabilmente un adattamente delle Major al nuovo mercato e che di conseguenza incontra le esigenze degli artisti (e che ritornano ad apprezzare). Ad ognuno il suo lavoro (se fatto bene) c'è chi suona, e chi fa marketing.

  • Faustiko Murizzi 17/10/2012 ore 11:33 @faustiko

    Più che altro sarei curioso di sapere i termini del contratto che Reznor ha firmato con Columbia...

  • Giulio Pons 18/10/2012 ore 09:53 @pons

    Faustiko Murizzi è irrilevante, Trent se ne torna alla major perchè se no i suoi dischi son mal distribuiti.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


LEGGI ANCHE:

"Zeta reticoli" dei Meganoidi compie 15 anni e continueremo ad amarla per sempre