Un gruppo di scienziati è riuscito a spiegare dove nascono i suoni dell’aurora boreale

via kingofwallpapers.com - Auroravia kingofwallpapers.com - Aurora
05/07/2016 12:16 di

Un gruppo di scienziati di Helsinki è riuscito a definire con più chiarezza la genesi dei suoni che vengono associati all’effetto luminoso dell’Aurora. Per chi non lo sapesse, il magnifico gioco di luci che si può osservare in alcune notti, man mano che ci avviciniamo ai due poli, è a volte accompagnato da rumori a di poco inquietanti.

Per decenni questi suoni non sono stati quasi mai considerati, spesso si dubitava addirittura che esistessero davvero - erano associati a possibili suggestioni causate dai colori del cielo - e fino a pochi anni fa erano poche le ricerche scientifiche a riguardo. Tra queste, l’opinione più frequente era che si trattasse di un’interazione tra gli alberi e le tempeste solari: a causa del grande campo elettromagnetico che si può creare in questi casi, era plausibile che si generassero delle scariche elettriche sugli oggetti circostanti creando, così, quei rumori così strani.

Tale teoria è stata messa in dubbio circa quattro anni fa da Unto K. Laine, un ricercatore della Aalto University. Il professore è riuscito a dimostrare che i suoni, in realtà, nascevano ad altezze più elevate - almeno 70 metri - e quindi non potevano derivare da questo tipo di reazione tra il campo magnetico ed i pini circostanti.

Laine ora ha proposto una nuova teoria sulla nascita di questi suoni e l'ha presentata lo scorso 22 giugno al Baltic Nordic Acoustic Meeting 2016, l’evento organizzato dalla Nordic Acoustic Association che, da più di dieci anni, si dedica allo studio del suono in ambito ambientale. Per il ricercatore i suoni dell’aurora nascerebbero all’interno di zone anomale dell’atmosfera dove la temperatura cresce al posto di diminuire, come è normale che accada. Queste zone sarebbero caratterizzate da due aree di cariche elettriche opposte, quando queste incontrano una tempesta solare si creano delle scariche elettriche che generano suoni e rumori. La sua teoria ha raccolto diversi consensi.

 “I suoni dell’aurora sono un fenomeno che spesso viene respinto dalle persone, scienziati e no, credendolo frutto dell’immaginazione dell’osservatore” - ha commento Dirk Lummerzheim, uno dei più importanti professori dell’università di Fairbanks, in Alaska - “Per la prima volta questi suoni sono stati analizzati in quanto tali, come dei segnali acustici e non come l’effetto che la luce può aver prodotto sul cervello umano. Il dottor Laine ci ha proposto, quindi, un processo fisico che fornisce una buona spiegazione a questo particolare evento".

(via

Tag: scienza

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Anche Manuel Agnelli condurrà un programma su Rai 3