Songtradr è la piattaforma musicale dove si può lasciare la mancia agli artisti

29/09/2017 11:08 di

Sappiamo bene che quello della musica è diventato un business sempre più complesso, soprattutto per gli artisti che cercano di emergere e guadagnano ben poco dallo streaming. Ora c’è un nuovo modo per permettere ai musicisti di guadagnare qualcosa in più: la piattaforma musicale Songtradr offre ai propri utenti la possibilità di sostenere le band preferite attraverso mance digitali. L’idea è venuta al fondatore e CEO dell’azienda Paul Wiltshire, che ha lanciato la piattaforma nel marzo del 2016 raggiungendo in breve tempo più di 120.000 iscritti: “È così difficile per gli artisti indipendenti ottenere un guadagno significativo dallo streaming”, commenta Wiltshire, “i fan ora possono ricompensarli per la loro arte”.


Paul Wiltshire


Su Songtradr chi crea musica ha il completo controllo dei propri diritti, e le mance ottenute sono destinate al 100% agli artisti. “Molti appassionati di musica vorrebbero poter sostenere concretamente i musicisti che amano, e quando comprano musica o merchandise, specialmente attraverso terzi, solo una parte di quel denaro finisce nelle mani dell’artista”, spiega Wiltshire, “con le nuove caratteristiche di Songtradr, gli artisti possono avere il proprio profilo e un’interfaccia streaming da condividere con i fan che, in cambio, possono ricompensarli in maniera diretta”. Una delle più grandi sfide della piattaforma è l’integrazione con i titolari dei diritti delle major: per ora infatti la compagnia è basata solo su artisti indipendenti, ma una volta che le major saranno connesse a Songtradr, secondo Wiltshire i benefici per tutti cresceranno rapidamente.

 

(via)

Tag: streaming diritti musicisti

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Com'è Brunori Sa, il nuovo programma di Dario Brunori su Rai 3