A Spotify non è piaciuto l'album "silenzioso" che ha fatto guadagnare 20.000$ a una band

Vulfpeck e il loro album SleepifyVulfpeck e il loro album Sleepify
08/05/2014 10:54

La storia l'avrete letta, nei mesi scorsi: tra i tanti stratagemmi inventati da artisti e band per guadagnare soldi veri con i servizi di streaming musicale, c'è anche chi ha caricato su Spotify un "silent album", ovvero un album senza alcun suono.
La band, i Vulfpeck, aveva consigliato ai propri fan di schiacciare play prima di andare a dormire selezionando la funzione di ripetizione, in modo da farlo andare avanti per tutta la notte. Lo scopo era quello di guadagnare abbastanza soldi per finanziare il tour, senza far pagare il biglietto d'ingresso ai fan. 
L'esperimento è andato decisamente bene: grazie alla copertura mediatica ricevuta da "Sleepify" (questo il titolo dell'album) la band ha guadagnato circa 20.000$. Il problema è che Spotify non l'ha presa molto bene, e ha scritto alla band chiedendo di rimuovere l'album in quanto violerebbe i termini di servizio. La notizia secondo la quale la band sarebbe stata "espulsa" dal servizio è infondata, ma è vero che i Vulfpeck hanno infine rimosso l'album incriminato sostituendolo con alcune tracce nelle quali spiegano quanto è accaduto. 
Non è ancora chiaro se la band riceverà comunque i soldi guadagnati (Spotify di solito paga due mesi dopo i primi ascolti, quindi lo sapremo a fine mese), ma la vicenda ha segnato un precedente molto interessante nell'industria musicale.  

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Andare ai concerti allunga la vita