Thom Yorke: "I servizi streaming sono come i nazisti della seconda guerra mondiale, rubano l'arte"

Thom YorkeThom Yorke
01/12/2015 13:29 di

Che i servizi di streaming, in particolare Spotify, a Thom Yorke non andassero a genio, è un fatto noto: già nel 2013, in un'intervista al Guardian, definì il servizio "l'ultima disperata scoreggia di un corpo morente".
In questi giorni è tornato sull'argomento con un'intervista in cui paragona Google, Youtube, Spotify e tutti i servizi di streaming ai nazisti della seconda guerra mondiale: "è come quello che facevano tutti durante la guerra, anche gli inglesi: rubare l'arte agli altri paesi. Che differenza c'è?".

Quello che contesta il leader dei Radiohead è il fatto che i guadagni per le band siano nulli o comunque decisamente più bassi di quanto potrebbero essere: "si fanno soldi con il lavoro di molti artisti che non ne traggono alcun beneficio. Si continua a dire che è un'epoca in cui la musica è gratis, il cinema è gratis. Non è vero. I fornitori di servizi fanno soldi. Google. YouTube. Un sacco di soldi, facendo pesca a strascico, come nell'oceano, prendono tutto quello che c'è trascinando. 'Ah, scusate, era roba vostra? Ora è nostra. No, no, scherziamo, è sempre vostra'. Se ne sono impossessati.

Certo è che i tentativi di Yorke di aggirare questi sistemi non sembrano aver funzionato, come dichiara lui stesso in merito all'idea di distribuire il suo album solista "Tomorrow's Modern Boxes" via BitTorrent ma a pagamento: "Non è stato esattamente un successo. Voleva essere un esperimento. Si parlava solo e sempre di Spotify. Volevo dimostrare che in teoria oggi uno può seguire tutta la filiera della produzione discografica, dall'inizio alla fine, per fatti suoi. In teoria. Ma in pratica è molto diverso. Non ci si può accollare tutte le responsabilità della discografia."

Tag: polemica

Commenti (5)

Carica commenti più vecchi
  • Neo Grigio 01/12/2015 ore 20:10 @neo.grigio.5

    Perché non toglie i radiohead da spotify se tanto non gli piace??? Dio più soldi hanno e più ne vogliono...

  • K.Board 02/12/2015 ore 09:41 @qlone

    I Radiohead su cassetta quando suonavano senza pedali erano molto più semplici da capire, ma Thom Yorke questo non l'ha mai ammesso.

  • Attilio Scotolati 02/12/2015 ore 22:00 @attilioscot

    Gli album su cui i Radiohead hanno i diritti gli ha già tolti, di quelli che ancora ci sono appartengono alle major

  • Massimiliano Barbera 02/12/2015 ore 22:04 @thinredline74

    e quindi, ammesso che fossero più semplici, cosa vorrebbe significare? temo nulla.

  • Daniele Ferrante 03/12/2015 ore 17:41 @nhdanieleferrante

    É tutto verissimo. Questi servizi stanno sopprimendo la musica indipendente. Se nascessero oggi, gruppi come i Pink Floyd, i Cure o i Nirvana non avrebbero alcuna possibilità di guadagnare con la loro musica.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


Pannello