Tributo alle vittime della strage di Bologna

18/12/2001

Associazione culturale - Piccola Compagnia IndetermiTeatro", con il patrocinio dell'Associazione tra i familiari delle vittime della strage di Bologna 2 agosto 1980

"VOLEVO SOLO ANDARE AL MARE
2 AGOSTO 1980: EVOC(AZIONE) DI UNA STRAGE"
orazione civile in sei quadri per attore solo e coro narrante
ideazione e realizzazione: EMANUELE ALESSANDRI
In collaborazione con: DANIELE BIACCHESSI e FEDORA RAUGEI
In scena: EMANUELE ALESSANDRI - VALENTINA RUSSO
Musiche composte ed eseguite dal vivo di: GIORGIO CANALI - Chitarra disturbata/ante, reiterati ritardi, arkelettrico

Stazione Centrale di Bologna - Sala dì'aspetto di 2^ classe
Giovedì 20 dicembre 2001 - ore 18,30

Il lavoro teatrale: "Volevo solo andare la mare -
agosto 1980 evoc(azione) di una strage" vuole, innanzi tutto essere un tributo alla memoria di chi ha perso la vita, inconsapevolmente, quella mattina.

E in virtù di questo, un' evoc(azione): un contributo, seppur modesto, all'attività di chi, a distanza di tanti (troppi) anni, va cercando, tra infinite difficoltà, ancora risposte alle tante domande su cosa sia stata (effettivamente) la strategia della tensione; le bombe sui treni, il terrorismo, lo stragismo indiscriminato; per cosa, per chi sono state "sacrificate" decine e decine di persone, cittadini, innocenti.

Un contributo attraverso il teatro: ripercorrendo gli ultimi istanti di vita delle persone - attraverso i loro volti, i gesti quotidiani, gli sguardi, le parole - che si trovavano a Bologna, in stazione, nell'attesa del treno che li avrebbe portati in villeggiatura o più semplicemente a casa.

E non solo; un velocissimo passaggio sulla vicenda processuale di quello che è stato definito "il più grave attentato della storia italiana"; il tentativo di guardare, seppur idealmente, negli occhi, ideatori, mandanti, esecutori di un tale atto di ferocia.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Abbiamo visto in anteprima "Fabrizio De Andrè - Principe Libero"