Vasco risponde: parte lo scambio epistolare con Veneziani

01/04/2011

Ve lo riportiamo per dovere di cronaca: c'è stato uno scambio di opinioni tra l'editorialista de Il Giornale Marcello Veneziani e Vasco Rossi. Il primo ha dato alle stampe il libro "Vivere non basta" lo stesso giorno di pubblicazione di "Vi­vere o niente", il nuovo album di Vasco. Per l'occasione ieri (vedi 2m3.it/GX ), ipotizzando un paragone tra le due opere, ha definito il rocker un "testimonial del nichilismo prati­co in voga: velocità, droga, vita spericola­ta e piena di guai ma vuota di senso". Vasco oggi ha risposto con una lettera sulla sua pagina Facebook.

Ve la riportiamo per intero, c'è tutto: gli errori di ortografia, gli attacchi al Papa Ratzinger, le critiche alla sinistra, la famiglia, l'amore.

Marcello Veneziani io lo conosco.  Filosofo della destra è apparso dopo gli anni ottanta quando la destra conquistò il potere con Berlusconi..da trascinador  con un partito e e tre television .. Strano caso di parruccone moderno. Assomiglia fisicamente a un mio amico psichiatra. Fisicamente una figura gradevole di uomo deciso e sicuro. l'aspetto di un uomo serio. non come tutte le facce di quei filosofi di sinistra un po' trasandati o belli come Bonaga.  non pomposo o pedante eppure sempre un po' pesante .  naturalmente molto intelligente e con una logica acuta e stringente affronta solitamente gli argomenti con grande chiarezza.  Il problema è che quando questi filosofi o meglio professori di filosofia, parlano di canzoni, non essendo  il loro linguaggio non ne capiscono niente e finiscono per dare significati completamente opposti  a frasi espressioni e concetti. Arrivando a per prendere veri e propri abbagli. imbarazzanti prese di otto per diciotto.

Stabilendo arbitrariamente  che il titolo "Vivere o niente" sia un invito a una vita senza senso e vuota di significato cita subito un titolo di un libro uscito proprio i questi giorni "Vivere non basta" che afferma ben altri concetti e valori positivi
Il fatto è che  "Vivere o Niente" non  significa affatto quello affermato dal filosofo  ma esattamente l'opposto .

 qualsiasi ragazzino di vent'anni che lo ha ascoltato oggi glielo potrebbe confermare
Si tratta invece più o meno dello stesso concetto. "Vivere o niente" non significa "niente" o confusione ma è un Out-Out.  Significa scegliere e decidere di vivere una vita piena e intensa . VIVERE con passione. altro che vivere non basta...

Vede io non so come lei si ostini a vedere in me un modello negativo un esempio di vita sbagliato. un nichilista. espressione tanto lontana da me. che ho amato la vita vissuta stravissuta, quanto il sole dalla luna. ma mi guardi in faccia. ho 59 anni suonati. le sembro uno che ha buttato via la propria vita bruciandola senza un'ombra di regole in confusione mentale, senza principi o etiche in totale e perenne preda di passioni. Vuole vedere le mie analisi del sangue dove i valori del mio fegato sono quelli di un bambino?

Lei sa che ho una compagna con cui vivo da venticinque anni e con lei ho costruito una famiglia. Ho un figlio splendido. Sa che mantenere in piedi un rapporto un progetto un matrimonio un patto costa molti sacrifici. Costa ad esempio non permettere di lasciarsi innamorare di un'altra persona. perchè a quindici anni è un conto ma a trenta ti puoi controllare. Sa che pare che questa trattasi invece di "causa" primaria di motivo per separazioni e divorzi se si ascolta cinguettare mature signore la domenica pomeriggio in ogni salotto televisivo. Sostenute da vuote figure di conduttrici le si sente apprezzare giustificare e comprendere questo motivo di separazioni di coppie, senza alcun rispetto per il dolore dei figli i loro problemi completamente ignorati e sacrificati sull'altare del proprio orgoglio e della propria vanita.

Sa che mantengo tre famiglie.

Che la  provvidenza mi ha regalato altri due figli nati da precedenti occasionali rapporti.  Che regolarmente ed orgogliosamente ho riconosciuto provvedendo ad ogni loro necessità  e amandoli.

Sa che pago le tasse e ho mantenuto la mia residenza in Italia quando potevo prenderla a montecarlo o alle bahamas
Sa che a Bologna sono risultando  addirittura un anno il maggior contribuente.

Sa che la mia società (che naturalmente ho costituito per evadere le tasse  secondo le candide dichiarazioni di un alto funzionario statale  che così facendo non ha offeso  certo me che non ho alcuna reputazione da difendere ma tutte le aziende italiane che tengono in piedi questo paese)  la mia azienda, dicevo, dà lavoro fisso a una decina di dipendenti. senza contare l'indotto di quando faccio concerti nei quali migliaia di persone vengono assunti per lavorare alla realizzazione dei miei concerti
Niente è come sembra. E lei lo dovrebbe sapere.

Pensa che dietro questi capelli spettinati quest'aria da squinternati non ci siano degli artisti seri dei professionisti che svolgono con  precisione e attenzione  il loro mestiere di creare spettacoli. trascinare e comunicare emozioni. portare gioia per una notte a centinaia di migliaia di ragazzi resi disperati dalla preoccupazione di doversi affacciare  in un mondo derubato spogliato disorganizzato  e male amministrato da generazioni di corrotti avidi e falsi amministratori che si sono alternati alla guida di un paese e che ricevono oggi titoli altisonanti laute pensioni e privilegi quando secondo la mia elementare logica montanara dovrebbero come minimo  essere ritenuti responsabili della situazione di oggi.

Lei è chiaramente ancora vittima di quel pregiudizio demenziale che  un mediocre giornalista mi affibbiò cosi a prima vista,  quando mi vide apparire a "domenica in" con  degli occhiali fumè  e mi sentì cantare la dionisiaca voglia di divertirsi di quegli anni...non so se ricorda la milano da bere...

Mi  definì Drogato...(le risparmio gli altri insulti gratuiti e offensivi alla mia persona non al mio ruolo badibadi ben.) e quel marchio così spaventoso per le mamme le famiglie che a quei tempi vedevano i figli distruggersi con l'eroina decretò la mia condanna civile- il mio esilio dalle orecchie della gente. Era pericoloso ascoltare le mie canzoni. Inneggiavano alla droga. "Vita spericolata" una canzone che inneggia alla vita vissuta pericolosamente piena di avventure e piena di significato  divenne sinonimo di vita drogata.

incredibilmente. nulla in quella canzone ha dei riferimenti alla droga. nemmeno metaforici o figurati.

Per quanto riguarda le mie laurea Honoris Causa e le mie lectio magistralis che  sarebbero a suo opinabile parere pagliacciate come un papa ratzinger che canta al palasport
oltre a farle notare che l'ho ricevuta in scienza della comunicazione e se lei non pensa che la meriti venga a milano a  vedere san siro per quattro giorni pieno di ragazzi felici ai quali comunico emozioni
mi pregio di farle notare  che è proprio di questi giorni la notizia che il papa ratzinger abbia chiesto una molto poco divina  richiesta di depositare un  Copyright sulla propria voce. Un  Diritto di esclusiva.  per l'amor di dio. certamente
Se io avessi lo stesso tipo di problemi o di contraddizioni   ora starei pensando di stipulare una buona polizza assicurativa sulla vita.....eterna!  ...magari poi c'è.

Si rilassi legga i suoi libri e non si occupi di canzoni. quelle non vanno lette o interpretate. vanno ascoltate col le orecchie e col cuore. Solo così  se ne capisce il senso. ma occorre spegnere il cervello e lasciarsi andare. poi occorre un po' di sensibilità. quella che forse a lei difetta un po'. Considerato che non le occorre certo  per esercitare quella sua lucida, perfetta, affascinante ed  implacabile logica.

 
la ringrazio per l'attenzione e
Le auguro tanta salute
 
 
Vasco Rossi

Per info su Vasco Rossi:
www.vascorossi.net/

Commenti (4)

Carica commenti più vecchi
  • Silvio Bernardi 01/04/2011 ore 14:41 @rudefellows

    che cos'è un Out-Out amico Vasco? una nuova regola del baseball che ti permette di eliminare due giocatori contemporaneamente?:?

  • Nicola Bonardi 03/04/2011 ore 02:21 @nicko

    però però... tra Vasco e Veneziani scelgo Vasco tutta la vita.

  • kamayama 04/04/2011 ore 00:21 @maya

    serio, bella Vasco


    l'ho letta ieri sera ed oggi ne avrei vista bene una stampa appoggiata sui due libri lì ad altezza mano destra sul banco della libreria: "Indignatevi!" di Hessel ed "Indignarsi non basta" dell'Ingrao


    da senza parole, serio

  • leo brazow 04/04/2011 ore 16:46 @leoge9se

    lol

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati