I vincitori del Premio Videoclip Indipendenti

05/12/2000

Ecco l’esito dei voti della Giuria della II edizione del Premio Videoclip Indipendente, presentato al M.E.I. di Faenza domenica 26 novembre:

Il Miglior Videoclip Indipendente assoluto dell’anno è stato giudicato “Le foto dello scandalo” del Complesso Residenziale, per la regia di Daniele Lunghini;

Migliore Regia ad Anna de Manincor per “Club Privé” dei Massimo Volume;

Migliore Fotografia a Cosimo Alemà per “King Cobra” delle Motorama;

Miglior Montaggio a Cristiana Donghi per “Simplemente asì” di Painé;

Miglior Soggetto a Licio Esposito per “Testa di cane” degli Zu.

Ecco invece i Premi Speciali assegnati nello stesso ambito:

Miglior Videoclip Pop dell’anno 2000 è stato giudicato “La descrizione di un attimo” dei Tiromancino, per la regia di Riccardo Sinigallia e Frankie Hi-Nrg, interpretato da Valerio Mastandrea e Paola Cortellesi.

Miglior Videoclip Impegnato dell’anno è stato “Comuntwist” dei 99 Posse, per la regia di Antonio Bocola e Paolo Vari.

Miglior Videoclip Sperimentale dell’anno è stato “Frammenti di una biografia per versi e voce” di Franco Battiato e Manlio Sgalambro, per la regia di Elisabetta Sgarbi.

Miglior Videoclip degli Anni ’90 è stato giudicato “Sangue impazzito” dei Timoria, per la regia di Alessandra Pescetta e Alex Orlowski.

Migliore Videografia Musicale degli Anni ’90 è stata giudicata quella dei Marlene Kuntz, i cui video sono stati diretti da Guido Chiesa, Neils Jensen e Beniamino Catena.

Il Premio Speciale come Migliore Regista Internazionale di Videoclip è stato assegnato a Tarsem Singh, il celeberrimo regista di clip dei R.E.M. e Deep Forest nonché del film “The Cell” con Jennifer Lopez.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Top It 2017: i 20 dischi dell'anno secondo Rockit