I vinili generano più guadagno di Spotify, Youtube e tutti gli altri messi insieme

hot 11.6k
I vinili generano più guadagno di Spotify, Youtube e tutti gli altri messi insieme
25/09/2015 16:45

Le vendite del vinile sono in continua ascesa, ve lo abbiamo raccontato più volte. Negli ultimi giorni è emerso un nuovo report che conferma il trend e, in più, fa pensare che questo tipo di supporto potrebbe ralmente diventare una delle prime fonti di guadagno per una band.

L'ultima ricerca pubblicata questa settimana dalla RIIA (Recording Industry of America) ha attestato che le vendite di vinili in America nei primi sei mesi del 2015 hanno toccato i 221.8 milioni di dollari. Si tratta di una crescita del 52.1% rispetto all'anno scorso. Il dato supera di gran lunga i guadagni ottenuti dalle royalties derivanti da canali video come YouTube, VEVO, da player come SoundCloud e da piattaforme di streaming come Spotify che permettono l'ascolto di musica gratuitamente ma inserendo la pubblicità tra un brano e l'altro. Tutti questi servizi insieme hanno raccolto solo 162.7 milioni.

Si calcola che nella prima metà dell'anno siano stati venduti più di 9 milioni di dischi, di cui 400.000 tra 45 giri ed ep 10 pollici. Un'ottima notizia per i fan di questo formato. 

Via

Tag: vinili mercato discografico streaming

Commenti (10)

Carica commenti più vecchi
  • Roberto Roy Batty Angiari 27/09/2015 ore 14:48 @robysampler

    in sto articolo hanno paragonato cavoli con patate ... senza indicare quale sta la spesa a monte per arrivare a una tiratura di vinili .... e' la stessa cretinata del PIL .... il PIL aumenta anche costruendo BOMBE e OSPEDALI per curare quelli che le BOMBE appena costruite se le sono prese in testa .... e' ovvio che il guadagno complessivo di un supporto fisico valga di piu di uno prettamente digitale , pero' c'e' da dire che in quello digitale la spesa di "FABBRICAZIONE" e' pari a zero, mentre quella del vinile ci stanno i master, le matrici in metallo, il PVC, la copertina, l'imballaggio, la distribuzione .... ecc ecc ecc sono tutti costi che ovviamente deve sostenere il produttore scaricandolo sul prezzo finale sul cliente finale ...
    cominciamo a confrontare royalties su royalties e rifacciamo il calcolo ....

  • Lorenzo Tiezzi 27/09/2015 ore 23:47 @lt

    Vendite: 221.8 milioni di dollari? No. Incassi. Da parte di chi? Credo dei discografici americanii. Tali discografici hanno incassato dai vari servizi di streaming solo 162.7 milioni. Ovviamente guadagnano di più con lo streaming, ma comunque è pochissimo.

  • Maxcello Kaspar Schmidt 28/09/2015 ore 01:22 @m.silva.orb

    http://riaa.com/media/238E8AC7-3810-A95C-44DC-B6DEB46A3C6E.pdf

    Qui i dati della riia.
    Articolo da riscrivere da zero.

  • Mauro Pili 28/09/2015 ore 14:58 @mauro.pili

    Attenzione: FREE.
    Spotify FREE. La cifra indicata per spotify si riferisce solo al servizio Free, Sandro Giorello ha letto male l'articolo, o è una distrazione voluta?

  • fgalassi 16/10/2015 ore 13:47 @fgalassi

    Se siete interessati ai dati italiani eccoli qui sotto.

    In più ho fatto anche un calcolo su quanto il musicista può guadagnare vendendo vinile, ma solo se fatto in autonomia.

    A dopo.

    Vinili: se solo il musicista conoscesse l’arte dell’investimento. E se sei DIY guadagni di più. %7C MusicaBuzz

    http://fabriziogalassi.com/2015/10/16/vinili-se-solo-il-musicista-conoscesse-larte-dellinvestimento-e-se-sei-diy-guadagni-di-piu/

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


Pannello

LEGGI ANCHE:

Capra dei Gazebo Penguins lancia una colletta per riacquistare gli strumenti rubati