Voci Per La Libertà: iscrizioni in scadenza

28/04/2003

Continua l’avventura di “Voci Per La Libertà - Una Canzone per Amnesty”, concorso musicale organizzato dalla Sez. Italiana di Anmesty International in collaborazione con il Gruppo Italia 215 di Rovigo, la Circoscrizione Veneto Trentino A.A., il Progetto Giovani del Comune di Villadose e il Centro Ricreativo Giovanile di Villadose, e patrocinato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, dalla Regione Veneto e dalla Provincia di Rovigo. L’intento è quello di diffondere i principi della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (D.U.D.U.) attraverso la musica, riconosciuta come importante mezzo di comunicazione dei valori di rispetto e tolleranza tra gli uomini. La rassegna é dedicata a cantanti e gruppi musicali emergenti e prevede l’assegnazione del “Premio Amnesty” alla canzone (con testo e musica di propria produzione) che meglio risponde proprio ai principi della D.U.D.U..

Mancano ancora pochi giorni prima della chiusura del bando per partecipare alla 6° edizione della rassegna: basta raggiungere l’url www.vociperlaliberta.it/iscrizione.html e seguire tutte le istruzioni del caso per iscriversi. Il tutto entro il 19 maggio, ultimo giorno utile per inviare le vostre canzoni - di cui le liriche di almeno una delle composizioni presentate dovranno essere ispirate ai principi di Amnesty International e in particolar modo della D.U.D.U..

Prosegue intanto con successo la vendita - in tutti i negozi di dischi grazie alla distribuzione Self (www.self.it) e disponibile sul sito di Amnesty International Italia (www.amnesty.it) per chi vorrà effettuare l’acquisto sul web - del cd compilation che raccoglie i brani dei 6 gruppi finalisti del 2002 (Il Combo Farango, Monzòn, Atarassiagrop, Arecibo, Lineamaginot e Aelian) e che contiene anche il video di “Caschi indifferenti”, canzone vincitrice del “Premio Amnesty” firmata da i bolognesi de Il Combo Farango, il cui clip è stato realizzato grazie all’apporto dallo staff del Teatro Polivalente di Occhiobello (RO). Sono inoltre numerosi le lusinghiere recensioni relative alla raccolta.

E proprio per presentare la compilation, nell’ambito della “Settimana per i Diritti Umani” (che si svolgerà a Padova dal 28 Aprile al 4 maggio, in concomitanza con la “XVIII Assemblea Generale di Amnesty International” programmata alla Fiera di Padova), si svolgerà un altro show-case, dopo quelli di Faenza, Bologna, Roma ,Verona e Milano, in cui verrà data ad un gruppo del concorso la possibilità di esibirsi su un palcoscenico importante e prestigioso. Saranno infatti gli Arecibo, finalisti del concorso dello scorso anno proprio a “Voci per la Libertà”, ad aprire il concerto gratuito che ELISA terrà il 2 maggio alle 20.00 a Padova in Prato della Valle.

Ancora, segnaliamo, sempre in tema di compilation, la presenza de Il Combo Farango all’interno della raccolta “AnnoZero”, cd allegato al numero #18 di “ROCKIT’mag” (www.rockit.it/fanza), in cui i 5 bolognesi partecipano con “Mamma schiavona” in rappresentanza sia di “Voci per la Libertà” che di “Ritmi Globali Europei”, i 2 concorsi per band emergenti del circuito MEIfest a cui hanno partecipato raccogliendo il titolo di vincitori in entrambe le occasioni.

Ultimo, ma di certo non meno importante, è il “Premio Amnesty Italia”, da consegnare all’artista italiano che, nel periodo compreso tra marzo 2002 e marzo 2003, ha scritto la canzone che meglio risponde proprio ai principi della D.U.D.U.. Tra qualche giorno, infatti, saranno pronte le nomination su cui una schiera di giornalisti e addetti ai lavori esprimerà le preferenze per decretare il vincitore a cui il Presidente della Sezione Italiana di Amnesty International consegnerà la targa proprio in occasione delle giornate finali della manifestazione (16-21 luglio 2003 @ Villadose - Rovigo).

Pagine: Arecibo Linea Maginot [Marche] Atarassiagröp Il Combo Farango

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati


    LEGGI ANCHE:

    Porno per sapiosessuali su Rai1: Alberto Angela intervista Paolo Conte nelle Langhe