Zuckerberg rivoluziona tutto Facebook

23/09/2011

Che fossero in arrivo novità per Facebook era cosa nota. Già da qualche settimana voci più o meno insistenti si rincorrevano riguardo probabili cambiamenti e possibili nuove aggiunte. Su tutte, quella di un servizio di musica in streaming.

Il giorno tanto atteso era ieri e l'occasione al conferenza F8, che riuniva a San Francisco gli sviluppatori legati al social network. Quello presentata da Mark Zuckerberg, però, non è stato il leggero lifting che tutti si aspettavano, ma una vera e propria rivoluzione. Non solo di Facebook, ma del concetto stesso di social network.

Cuore del nuovo Facebook sarà la timeline, ovvero una sorta di archivio in costante aggiornamento, in cui viene tenuta traccia di ogni azione compiuta. Organizzata su due colonne e divisa in vari box, conterrà la memoria storica di tutta la vita social di un iscritto: status, fotografie, like, filmati, canzoni. Uno dei box in questione sarà riservato alle applicazioni, tra le quali figureranno anche Spotify e simili. Ovvero: servizi di streaming musicale, ma anche video e in generale produttori di qualsiasi tipo di contenuto, realizzeranno applicazioni ad hoc per Facebook, per permettere ai suoi utenti di fruire di quegli stessi contenuti direttamente dalle pagine del social network. Stesso approccio anche per altre tipologie di prodotti: già sono state annunciate applicazioni del Guardian e di altri mezzi di informazione.

Guarda un video che presenta la timeline:
www.facebook.com/about/timeline

L'idea di Zuckerberg e dei suoi, quindi, è quella di portare tutto Internet dentro Facebook: non più un sito tra i tanti, ma una sorta di buco nero che assorbe tutto all'interno delle proprie colonnine blu. In questo senso, la mossa di Facebook è qualcosa di azzardato ed estremamente ambizioso. La vera rivoluzione, però, è a livello di impostazione generale. Qualche riga fa abbiamo parlato di memoria storica: con la timeline - e la possibilità di ripescare da un archivio le azioni passate, Facebook ha portato il tempo passato all'interno del mondo del social network. Al momento, infatti, né Facebook né Twitter permettono di scavare nella propria storia sociale, offrendosi solo come strumento di condivisione del presente e non di memoria della vita digitale di una persona.

Ora le cose potrebbero (dovrebbero) cambiare. E se non è una rivoluzione questa...

Tag: facebook

Commenti (1)

  • quartocapitolo 23/09/2011 ore 12:42 @quartocapitolo

    non c'ho capito un'acca.

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati