E’ musica notturna, la nostra. Pensata, composta e suonata di notte. Musica che sa di bar che chiudono, di strade deserte e piovose, di stanze d’albergo desolate, di vino da quattro soldi e di sigarette fumate aspettando il mattino. C’è dentro tutto quel vortice di emozioni che solo la notte sa regalarti. Strazianti addii e nuovi incontri, solitudine e tenerezza, malinconia e speranza, amori finiti e amori appena nati. Per questo motivo abbiamo scelto il nome Nighthawks, come il famoso quadro di Hopper. La gente di passaggio che si siede al nostro bancone ha sempre una storia da raccontare e a noi non resta che cantarla.