Nomadi - In favelas testo lyric

16/11/2012 - 15:56 Scritto da Nomadi Nomadi 15

TESTO

Non ci sono prati, solo muri consumati, per giocare poche


pietre o qualche canna di bambù.


Per vivere, rubare, per sopravvivere, ammazzare, strana


legge della vita di tribù.


In favelas.


In favelas.


Sembra che qualcuno ha disdegnato loro il cielo


negl'occhi brilla l'odio e nelle vene scorre il gelo


Nati tra ingiustizie, tra rifiuti ed immondizie prima ancora di


acquistarla han già perso dignità.


Sogni tra le stelle in mano poche caramelle, il passato è


inesistente, non ha volto il presente.


Sfilano le squadre della morte per le strade alla ricerca di


giustizia e giustizia non sarà.


In favelas.


In favelas.


Brucia tra le fiamme il cuore dentro le capanne


uccisi sopra un marciapiede, tanto, nessuno vede.


Il mondo li rifiuta, perché il mondo non aiuta


ti ha chiamato a stare zitto, questo è l'unico diritto.


Sogni tra le stelle in mano poche caramelle, il passato è


inesistente, non ha volto il presente.


Sfilano le squadre della morte per le strade alla ricerca di


giustizia e giustizia non sarà.


In favelas.


In favelas.

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano In favelas di Nomadi:

Questo brano è stato inserito in alcune playlist dagli utenti di Rockit:

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone In favelas si trova nell'album La settima onda uscito nel 1993 per CGD Eastwest.

Copertina dell'album La settima onda, di Nomadi
Copertina dell'album La settima onda, di Nomadi

---
L'articolo Nomadi - In favelas testo lyric di Nomadi è apparso su Rockit.it il 2012-11-16 15:56:10

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia